Ok a legge ligure anti moschee, Scajola (FI): ora regole certe

3
CONDIVIDI
Un fotomontaggio della moschea a Genova: la Regione dice no

GENOVA. 27 SET. “Finalmente avremo regole certe e chiare per la localizzazione dei servizi religiosi, sia nella fase della pianificazione urbanistica, sia nella fase successiva della localizzazione dei servizi”.

Lo dichiarato oggi l’assessore all’Urbanistica della Regione Liguria, Marco Scajola, a margine dell’approvazione oggi in consiglio regionale della nuova disciplina urbanistica dei servizi religiosi in cui si chiede ai Comuni una maggiore attenzione in presenza di una richiesta di apertura di nuovi centri culturali a carattere religioso.

“Il settore Urbanistica della Regione Liguria – ha aggiunto Scajola –  ha collaborato con i consiglieri proponenti  per modificare una legge e migliorarla notevolmente. Tali modifiche disciplinano meglio le modalità con cui i Comuni gestiscono, sia la fase della pianificazione per la localizzazione dei servizi religiosi, sia la fase di approvazione dei progetti, questo significa maggiore chiarezza per tutti e chi pensa, strumentalmente, a discriminazioni si sbaglia oppure non ha capito l’utilità di questo intervento che colma vuoto normativo e consentirà ai Comuni di avere maggiori elementi con cui basare le proprie decisioni in merito”.

 

 

3 COMMENTI

  1. Maurizio Frassinello: A parlare è il nipote dell’ex ministro, ossia l’attuale assessore regionale all’Urbanistica Marco Scajola. Il quale non risulta che sia mai stato indagato, né sospettato di alcunché. S’informi e legga gli articoli prima di scrivere le sue solite sciocchezze e gettare fango sugli altri.

  2. era ora che qualcuno mettesse delle regole per le moschee,questi mussulmani sono venuti nel nostro Paese per dettare legge a loro piacimento trovando terreno fertile,ma non è così,IN ITALIA le regole le fanno gli organi competenti ITALIANI.loro si devono solo adeguare.

LASCIA UN COMMENTO