Nuoto Sincro, Cerruti-Ferro Qualificate alle Olimpiadi di Rio

0
CONDIVIDI
Cerruti
Cerruti
Cerruti

SAVONA 4 MAR. Missione compiuta. Il duo composto da Linda Cerruti e Costanza Ferro si qualifica alle Olimpiadi, confermando nel primo round della routine libera il secondo punteggio del tecnico al preolimpico di nuoto sincronizzato, in svolgimento al Maria Lenk Acquatic Centre di Rio de Janeiro, sede delle gare ai Giochi dal 9 al 14 agosto.
La coppia italiana danza sulle note di “Sweet dreams” degli Euritmics, ottenendo 90,1 punti (27,1 per l’esecuzione, 36 per l’impressione artistica e 27 per la difficoltà) che si vanno ad aggiungere agli 85,9 (26,5 per l’esecuzione; 26,6 per l’impressione artistica e 32,8 per gli elementi) del tecnico nuotato sull’Estate di Vivaldi. Totale 176 punti.
Ribadisce il primo posto la coppia spagnola formata dalle catalane Gemma Mengual Civil – in carriera argento nel duo e con la squadra alle Olimpiadi di Pechino 2008, 17 medaglie mondiali (un oro, 9 argenti e 7 bronzi) ed europee (5 ori, 9 argenti e 3 bronzi) – e Ona Carbonell Ballestero – un argento nel duo e un bronzo con la squadra alle Olimpiadi di Londra 2012, 18 medaglie mondiali (un oro, 7 argenti e 10 bronzi) e undici medaglie europee (3 ori, 6 argenti e 2 bronzi) – con 92,6 punti nel libero che si sommano agli 89,1816 del tecnico per 181,7816 totali. Alle Olimpiadi parteciperanno 24 coppie.
Per le azzurre – entrambe tesserate per Marina Militare e Carisa Savona, nate a poco meno di 100 giorni l’una dall’altra e a 50 chilometri di distanza (Costanza il 5 luglio 1993 a Genova e Linda il 7 ottobre a Savona) – si tratta della prima volta ai Giochi dopo una serie di risultati in crescita registrati nel quadriennio olimpico: il quinto posto nel libero e l’ottavo nel tecnico ai campionati mondiali di Barcellona 2013 seguiti dal sesto posto nel libero e dal settimo nel tecnico ai campionati mondiali di Kazan 2015, nonché il quarto posto ai campionati europei di Berlino 2014, il il quinto posto in coppa Europa a Savona 2013 ed quarto posto ad Haarlemmermeer nel 2015 e la medaglia di bronzo conquistata alle Universiadi di Kazan nel 2013.
Ora viene il difficile. Si tornerà a danzare sabato e domenica alle 15.15 italiane con la squadra che proverà a conquistare il pass olimpico. Tre i posti ancora disponibili su otto totali, con Brasile, Egitto, Russia, Australia e Cina già qualificati. I risultati delle ultime manifestazioni internazionali pongono l’Italia in posizione di outsider alle spalle di Giappone, Ucraina e Spagna ed in linea con il Canada. In gara anche Francia e Cile. Le azzurre nuoteranno sulle note di “Interstellar Synchro” il tecnico in programma sabato e su quelle “The season on earth” il libero di domenica. Le musiche sono state curate dal compositore Michele Braga.

LASCIA UN COMMENTO