Home Cronaca Cronaca Genova

Non solo Ventimiglia, tubercolosi in questura a Genova: contagiato poliziotto

60
CONDIVIDI
Sbarco migranti (foto di repertorio)

GENOVA. 20 MAG. Non solo pericoli sanitari per le forze dell’ordine che operano a Ventimiglia. Ora accade anche a Genova. Un poliziotto genovese è stato ricoverato in ospedale perché affetto da tubercolosi.

Si tratta di un quarantenne che lavora per l’Ufficio Servizi agli ingressi della questura e nelle celle di sicurezza.

Pertanto, l’ipotesi più probabile è che sia stato contagiato da un malato mentre svolgeva servizio all’ingresso di servizio della questura, dove vengono ricevuti i migranti richiedenti asilo. Oppure che sia stato contagiato da un detenuto.


L’agente della questura accusava da alcuni giorni astenia e tosse. Per fortuna, non risulta in gravi condizioni ed è stato sottoposto a tutte le cure del caso

Come da prassi, è scattata la profilassi per i famigliari, i colleghi e tutte le altre persone che sono state a contatto prolungato col poliziotto.

Molti colleghi chiedono più attenzione per il personale che lavora a stretto contatto con i migranti. Da tempo, i vari sindacati di polizia denunciano le condizioni di pericolo sanitario in cui sono costretti ad operare gli agenti.

 

60 COMMENTI

  1. ecco chi ci avveIena Io stesso stato Ouesta e Ia prova fanno entrare gente maIata aspettano che un cazzone si ammaIa scrivono un’articoIo fanno andare fuori di testa i genitori che vaccinano anche contro I’aria i Ioro bebe per paura mentre Ioro guadagnano miIiardi dite no sempIicemente e state Iontani da sta gente e daIIa gente che Ii freOuenta tutto Oui ci vogIiono uccidere tutti con virus batteri ecc è Ouesta Ia guerra aprite sti cazzi di okki e proteggete i vostri figIi da sti vaccini che nessuno vi garantisce che cazzoooo sono

  2. E poi ci sono quelli che una volta comparsa la malattia, vedi morbillo vicina a loro corrono in ospedale per farsi vaccinare in questo caso la casa farmaceutica ladrona va benissimo e anche non sapere cosa mettono nei vaccini. Ma giustamente ognuno è padrone di se stesso e può fare o non fare quello che vuole della propria vita fino a quando questa decisione non mette a repentaglio la mia di vita.

  3. Io penso che se oggi le autorità della salute in qualche modo rendano i vaccini obbligatori c’è un motivo serio..ma li seguite i vari Tg. Di quanta migliaia e migliaia di africani e mussulmani arrivano in Italia tutti gli anni ? Senza nessun controllo …ci portano di tutto..e allora di cosa vogliamo parlare ? By visitor . Roberto.

    • Grazie della tua precisazione di italiano …ma mi riferivo al continente africano in genere che ne fanno parte anche i paesi islamici. ? E come ben saprai non esiste nulla in fatto di prevenzione medica.quindi come ripeto arrivano senza nessun controllo..e vagano nelle nostre città con le loro problematiche. By visitor .Roberto.

  4. A questi punti mi viene un dubbio che i nostri politici d’accordo con le ditte farmaceutiche fanno venire i profughi per attaccarci le malattie ??? Perché i politici quadagnano con gli arrivi dei profughi ..i profughi stanno bene visto che ormai loro sono autoimmuni dalle malattie che in italia ormai si erano estinte …però noi no e quindi ci attaccano la qualsiasi cosa e così le case farmaceutiche ci guadagnano con vaccini , medicinali, ecc…e in tutto questo nel culo lo abbiamo sempre noi che ci ammaliamo e siamo costretti a spendere soldi per curarci ..quasto e un mio film …

  5. E pensare che quando dico che sono gli immigrati che portano malattie….MI DANNO DELLA RAZZISTA…Ma da noi la tubercolosi era stata debellata,la meningite anche…Ora arriverà la lebbra,la scabbia,lo scolo,la sifilide,l aids ce l abbiamo già…Che loro sono portatori sani…Ho dimenticato qualche altra malattia?

  6. e questo è solo l’inizio,poi arriverà il resto,dove ci sono ammucchiate,sporcizia e non ci sono controlli ,ci sono malattie e anche serie,mi sa che presto apriranno di nuovo i Sanatori,se si va avanti di questo passo…..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here