Non accetta il trasferimento in Montenegro e poi viene licenziata

0
CONDIVIDI
Sciopero e manifestazione metalmeccanici
Allarme dei sindacati Rsu Fiom e Uilm
Allarme dei sindacati Rsu Fiom e Uilm sul caso di Toshiba a Genova

GENOVA. 23 GIU. I dipendenti genovesi di Toshiba Europe, circa cento, che tra la sede di Sampierdarena e la fabbrica di Trasta in Valpolcevera lavorano alla progettazione e realizzazione di sistemi di trasmissione e distribuzione dell’energia.

Secondo quanto riferito dalle organizzazioni sindacali, il 16 giugno una lavoratrice ha ricevuto la lettera di licenziamento dopo che non aveva accettato il trasferimento per 6 mesi (rinnovabili) addirittura in Montenegro.

Rsu Fiom e Uilm dell’azienda hanno parlato di fatto inaudito e molto grave, che può mettere a rischio i diritti di altri lavoratori. Pertanto, i sindacati chiedono di “avviare al più presto un serio e franco confronto con il nuovo management che affronti nel merito le attuali difficoltà”.

LASCIA UN COMMENTO