No borders e immigrati reagiscono con violenza: morto un poliziotto

104
CONDIVIDI
Gli irregolari oltrepassano il confine: nuova emergenza al campo della Croce Rossa a Ventimiglia
Gli immigrati irregolari oltrepassano il confine a Ventimiglia
Gli immigrati irregolari oltrepassano il confine a Ventimiglia

IMPERIA. 6 AGO. Alla fine, c’è scappato il morto. Era un nostro poliziotto.

Oggi è continuata la caccia ai clandestini da parte della Gendarmerie francese, che senza tante elucubrazioni mentali, respinge e riporta gli immigrati irregolari da dove sono venuti, ossia Ventimiglia. Secondo fonti investigative, quelli che ieri, al valico di confine, avevano sfondato il cordone di poliziotti e carabinieri, sarebbero stati “spinti” proprio da alcuni antagonisti No borders.

Stasera, dopo una giornata di apparente calma, si sono registrati ancora scontri e feriti. Al parco Roja attivisti ed immigrati irregolari hanno occupato abusivamente l’ex caserma dei vigili dal fuoco, poco lontano dal centro di accoglienza temporanea della Croce Rossa, reagendo con violenza all’intervento delle forze dell’ordine.

 

Uno dei poliziotti intervenuti ha avuto un malore e si è accasciato a terra durante gli scontri. L’agente è stato trasportato in fin di vita all’ospedale, dove è morto probabilmente per arresto cardiaco dovuto ad un infarto per la troppa tensione.

Le forze dell’ordine hanno sfollato gli abusivi dalla struttura. La zona è stata transennata. Ventimiglia ora è blindata e le forze dell’ordine si preparano per la manifestazione dei No borders in programma domani.

104 COMMENTI

  1. Perchè aggiungere zizzania a quanto abbiamo già letto e sentito in TV? Quando un immigrato ( urca se imparano velocemente l’italiano! O lo sapeva prima?) intervistato dice: “ci avete voluti qui e non ci avete fermato in Libia quindi ora dateci quello che ci spetta ” si capiscono molte cose. Anzichè proteggerli come fanno quei ragazzi o morire più o meno per colpa loro come il poliziotto… sarebbe utile ricordare che LORO si sono messi in viaggio pro Libia e loro e solo loro hanno pagato scafisti che li lasciano annegare se non fosse per altri di noi che rischiano vita e malattie. E comunque a Ventimiglia è ora che metta a posto le cose quel bel tipo che apre le braccia ( nostre) e dichiara a nostro nome che lui se ne frega dell’Europa che non li vuole = ce li teniamo noi. Bene. Veda di mantenerli lui o risolvere il problema una volta per tutte. Se no lì si muore non di infarto o ci si ammala di malattie che noi abbiamo già debellato in anni e anni. La sceneggiata del passaggio a nuoto poi.. sa di pazzia di chi li ha spinti a farlo, altro che disperazione!

LASCIA UN COMMENTO