No al mercatino illegale, domani i Comitati in consiglio comunale

0
CONDIVIDI
No a degrado, insicurezza, assenza di norme igieniche: Comitati dei caruggi domani a Tursi per protestare contro il mercatino illegale di corso Quadrio
No a degrado, insicurezza, assenza di norme igieniche: Comitati dei caruggi domani a Tursi per protestare contro il mercatino illegale di corso Quadrio
Degrado, insicurezza, assenza di rispetto delle norme igieniche: Comitati caruggi domani a Tursi per protestare contro il mercatino illegale di corso Quadrio

GENOVA. 11 APR. Domani tutti a Tursi per protestare contro le “Promesse da marinaio” della giunta Doria. L’appuntamento è in via Garibaldi alle 14.

Ma non c’è solo Tursi nel mirino dei Comitati. Al mattino mercatino illegale, al pomeriggio, la sera e nei week end una quarantina di posti auto da residenti. Quanto promesso una decina di giorni fa dal presidente del Municipio Centro est Simone Leoncini (ex Sel) per l’area di corso Quadrio data agli ex abusivi, non ha trovato riscontro.

“Finora non abbiamo visto nulla – spiega Antonio Olivieri di Assest  e delegato degli altri Comitati dei caruggi – tanti proclami e poi ancora oggi ci sono le catene. Quelle di Leoncini si sono rivelate promesse da marinaio, come quelle dell’assessore alla Legalità Elena Fiorini e del sindaco Doria. Noi chiediamo solo che il progetto sperimentale Chance venga risolto e non venga mai più rinnovato da Tursi né qui, né altrove perché non vogliamo scaricare il problema su altri nostri concittadini.

 

Ci teniamo a precisare a Fiorini e Doria che nessuno di noi ha visto il successo del progetto, tanto pubblicizzato dagli amministratori su alcuni organi di stampa. Corso Quadrio non è un fenomeno marginale, come asserito da Fiorini. Ma si tratta di insicurezza, degrado, mancato rispetto di qualsivoglia minima norma igienica, che riguarda tutto il centro storico genovese.

Ringrazio, invece, l’amministrazione privata della Marina Park per aver provveduto a un ripristino delle riparazioni delle infrastrutture per i numerosi danni subìti. Continueremo a vigilare sul mercatino e sulle zone limitrofe danneggiate. Dalla giunta comunale vorremmo anche sapere che fine ha fatto il bando per il recupero delle Mura seicentesche delle Grazie e se sia intervenuta per risolvere il caso della fognatura delle acque nere, unite a quelle bianche”.

 

LASCIA UN COMMENTO