Nervi e caruggi, marocchini lasciati liberi: riacchiappati dai carabinieri

5
CONDIVIDI
Il carcere di Marassi a Genova dove il detenuto ha minacciato di farsi esplodere
Il carcere di Marassi a Genova
Il carcere di Marassi a Genova: marocchini messi dentro dai carabinieri

GENOVA. 27 AGO. Ieri  notte, i militari della stazione carabinieri di Nervi hanno tratto in arresto un cittadino marocchino di 38 anni, attualmente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora e presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria, per reati contro la “persona”,  a seguito dell’aggravamento della misura cui era sottoposto, emessa dalla locale autorità giudiziaria, dovuto  ai  suoi comportamenti contrari alle prescrizioni, nonostante fosse stato lasciato libero di vagolare per le strade. L’immigrato è stato associato presso la casa circondariale di Marassi.

Inoltre, i carabinieri della stazione di Carignano hanno tratto in arresto, in esecuzione di un ordine di revoca delle misura di presentazione giornaliera e ripristino della custodia cautelare in carcere, emessa dalla locale autorità giudiziaria, un cittadino marocchino di 31 anni, abitante in via dei Giustiniani, ritenuto, al termine di attività investigativa, autore di lesioni. Dopo le formalità, è stato associato al carcere di Marassi.

5 COMMENTI

  1. Allora lo vogliamo dire una volta per tutte che i giudici, i mgistratie gli avvocati applicano le leggi ma non le fanno, chi è preposto a fare le leggi ed ad approvarle sono i politici e quindi….che si diano da fare .

LASCIA UN COMMENTO