‘Ndrangheta, rifiuti e favori: si dimette maggioranza a Lavagna

0
CONDIVIDI
operazione dello Sco e della Dia in Liguria, arrestato sindaco di Lavagna ed ex parlamentare
Operazione dello Sco e della Dia in Liguria: dimissioni per i dieci consiglieri di maggioranza a Lavagna
Operazione dello Sco e della Dia a Lavagna: dimissioni per i dieci consiglieri comunali di maggioranza

GENOVA. 24 GIU. ‘Ndrangheta, rifiuti e favori. Verso lo scioglimento il comune di Lavagna, dove, dopo la revoca prefettizia del sindaco Giuseppe “Pino” Sanguineti, oggi si sono dimessi i 10 consiglieri comunali di maggioranza (assessori e vicesindaco Barbieri inclusi).

Sanguineti è agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta della Dda sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta, insieme al consigliere Massimo Talarico.

Ai domiciliari anche la ex deputata Gabriella Mondello (Udc). Indagato l’ex assessore regionale Giovanni Boitano (Liguri con Paita).

 

Ora le aspettative dei cittadini di Lavagna sono di avere subito un commissario prefettizio, soprattutto in vista dell’avvio della stagione turistica. Poi, elezioni al più presto.

Prima delle dimissioni dei consiglieri di maggioranza, il Comune ha chiuso il contratto con EcoCentro.

LASCIA UN COMMENTO