Home Economia Economia Genova

Nautica Italiana ed Ucina, niente accordo. Tacoli: rinunciamo a fondi

0
CONDIVIDI
Nautica Italiana ed Ucina, niente accordo. Tacoli: rinunciamo a fondi

GENOVA. 8 APR. Non c’è accorodo tra le due associazioni del comparto nautico: Nautica Italiana ed Ucina e questo a soli due giorni dalla presentazione del Salone Nautico di Genova.

Il presidente di Nautica italiana, Lamberto Tacoli, come si legge sul sito “The Meditelegraph”, ha scritto al sottosegretario Ivan Scalfarotto per informarlo che “un accordo fra il ministero dell’Economia, Ucina e Nautica Italiana, atto a sostenere i due eventi di Viareggio e Genova nel 2017, non è più possibile a causa di reiterati ritardi nelle repliche da parte di Ucina alle nostre proposte di volta in volta avanzate”.

In una seconda lettera indirizzata alla presidente di Ucina Carla Demaria, Tacoli sottolinea: “Dobbiamo con senso civico e di responsabilità liberare risorse pubbliche, almeno per l’anno in corso, a favore di altre priorità per il Paese”.


Il sottosegretario Scalfarotto aveva lanciato l’ennesimo ultimatum nei primi giorni di febbraio. In pratica o c’era un accordo tra le due associazioni o, nel caso contrario, non ci sarebbe stato nessun finanziamento pubblico per il 2017, nè per il per il Salone Nautico organizzato da Ucina, nè per il Versilia Yachting Rendez-vous, organizzato da Nautica Italiana.

Ora, a parte colpi di scena, il dialogo potrà riprendere per trovare un accordo sul 2018.

Nautica Italiana ed Ucina, niente accordo. Tacoli: rinunciamo a fondi

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here