Musica per tutti alla Notte Bianca del Conservatorio

0
CONDIVIDI
Al Conservatorio Paganini partono i concerti dei premiati
Il Conservatori oPaganini e la Notte Bianca
Il Conservatori oPaganini e la Notte Bianca

GENOVA. 18 GIU. E’ diventato un appuntamento irrinunciabile, quello della prima sera d’estate, il 21 giugno nel Parco e nella Villa Bombrini in Albaro organizzato dal Conservatorio “Niccolò Paganini”che vede protagonista la MUSICA fino all’alba del giorno dopo.Un splendida e coinvolgente occasione per calarsi nel mondo di qualunque tipo di musica senza limiti di tempo.

E così martedì prossimo, per il decimo anno consecutivo, torna la “Notte Bianca” con “Le creature della notte” (questo il titolo) che offrira’ un ricco programma musicale che andrà dal classico al lirico, dal jazz al pop. Ma ci saranno anche momenti coreografici, performance di arti visive, conversazioni e persino una inedita prova di “resistenza” pianistica degna del Guiness dei primati.

Il tutto inizia nel Parco alle ore 15 con una visita artistico-botanica. Alle 17,30 in un’aula dell’Istituto il pianista Dario Bonuccelli attaccherà l’esecuzione di “Vexations”, un curioso brano di Satie che prevede una mezza paginetta di musica da ripetersi 840 volte. Bonacelli lo ha già eseguito pochi mesi fa in una performance di nove ore e conta di migliorare il suo record arrivando a dodici ore di esecuzione consecutiva, alzandosi quindi dalla tastiera alle 5,30!

 

Dalle 20,30 alle 24 si accenderanno le luci sul palco montato nel Parco: si susseguiranno momenti di danza (in collaborazione con il Liceo Gobetti) e varie esecuzioni musicali fra le quali quelle del PaganiniChorusClarinet.

Nel frattempo la musica partirà anche all’interno della Villa. Nel Salone, alle 20,30 il pianista Marco Vincenzi coordinarà un omaggio a Ferruccio Busoni nel 150° anniversario della nascita. Alle 21 tornerà ad esibirsi nel Salone un ex allievo illustre, Andrea Bacchetti, mentre alle 22 la tastiera del pianoforte lascerà spazio alla tastiera più antica del clavicembalo.

Alle 23 originale rilettura di “Pierino e il lupo” di Prokofì’ev a cura della “Banda Randagia”. E poi altre iniziative, da performance di fagotti e controfagotti, alla esibizione del duo pianistico Michele Carraro e Gabriele Paiato, dall’omaggio jazz a Benny Goodman, con uno strumento appartenuto al grande jazzista, alla proiezione del cortometraggio di Federico Mottica “Heribergo”.

Si animeranno anche varie aule con iniziative dell’Accademia Ligustica di Belle Arti e con varie altre proposte distribuite sui tre piani del Conservatorio. L’aula 19, a piano terra, come vuole tradizione, sarà direttamente gestita dalla Consulta degli Studenti. Infine, in Biblioteca, tre conversazioni per chi volesse ritagliarsi anche un momento di riflessione su alcuni aspetti della musica: “Rinascita di un patrimonio – presentazione del restauro dell’organo di Rocchetta Cairo” (a cura di Maurizio Tarrini con Claudia Maritano e Graziano Interbartolo, ore 21), “L’eredità del mondo antico” di Gian Enrico Cortese (ore 22,30) e “La bellezza nella musica” di Roberto e Cristina Iovino (ore 0,30).

La musica sparsa qua e là andrà avanti fino alla 5,30 quando arriverà la focaccia per una corroborante colazione.

L’ingresso è libero.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO