Home Cronaca Cronaca Italia

MUORE IN MONTAGNA A 59 ANNI IVAN SGRENA, FRATELLO DELLA GIORNALISTA GIULIANA, RAPITA E POI LIBERATA NEL 2005 IN IRAQ DA NICOLA CALIPARI, MORTO NELL’OPERAZIONE

0
CONDIVIDI
Ivan Sgrena in una rara foto ai tempi del "caso" internazionale che coinvolse La sorella giornalista Giuliana
Ivan Sgrena in una rara foto ai tempi del “caso” internazionale che coinvolse La sorella giornalista Giuliana

VERBANIA 28 AGO. Destino amaro per la famiglia di Giuliana Sgrena. Ivan Sgrena, di 59 anni, fratello della giornalista Giuliana, rapita e poi liberata in Iraq nel 2005, è morto stamani dopo essere precipitato nel gruppo dell’Alpe Devero, a Baceno in provincia di Verbania-Cusio-Ossola.

Ivan si stava preparando a scalare, con un compagno, lo “Spigolo della Rossa” per giungere a poco più di 3mila metri di quota, seguendo una “classica” della zona. Per cause imprecisate Sgrena ha perso l’equilibrio prima di legarsi in cordata ed è precipitato per una quindicina di metri morendo sul colpo.

Giuliana Sgrena, inviata di guerra de “L’Unità”, passò all’onore delle cronache italiane ed internazionali per il rocambolesco e tragico episodio della sua liberazione dai rapitori iracheni che ne avevano fatto un ostaggio. Le lunghe trattative per il suo rilascio alla fine furono condotte dai servizi segreti militari italiani di Forte Boccea.


Raggiunto l’accordo, la Sgrena fu liberata e prelevata a Bagdad nel corso di una missione segreta e delicata condotta dal funzionario del Sismi Nicola Calipari che però trovò la morte poche ore dopo sulla strada per l’aereoporto della capitale irachena per mano di un marine Usa che aprì il fuoco sull’auto guidata da un maggiore dei Ros dei Carabinieri, al cui interno, sul sedile posteriore, c’erano appunto la Sgrena e lo stesso Calipari.

Un proiettile raggiunse il funzionario dei servizi alla testa, mentre proteggeva la giornalista che riportò una ferita alla spalla. Un terribile “equivoco” avvolto per lungo tempo dal mistero e ancora non del tutto chiarito.

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here