Home Spettacolo Spettacolo Genova

“Morte di Zarathustra” torna sul palco dell’Akropolis

0
CONDIVIDI
“Morte di Zarathustra” torna sul palco dell’Akropolis

GENOVA. 1 MAG. Giovedì 4 maggio 2017 alle ore 21 torna sul palcoscnico del Teatro Akropolis lo spettacolo  Morte di Zarathustra  di cui sono autori e registi Clemente Tafuri e David Beronio.

Uno spettacolo in continua evoluzione, che si ispira al pensiero di Friedrich Nietzsche, autore di Così parlò Zarathustra, e in particolare alle sue scoperte sul coro ditirambico. Siamo prima della nascita della letteratura, quando gli uomini si esprimevano spinti da un’energia che non chiedeva di essere necessariamente compresa, e che si formulava attraverso il canto, la danza, le parole, in un’espressione collettiva dove nessuno di questi aspetti prevaleva sull’altro.

Non esistevano gerarchie e si seguiva solo una pulsione vitale incontenibile. Il coro e la danza ditirambici, in nome di Dioniso, avevano una componente rituale e mitica. Costituivano un’esperienza originaria di cui questo spettacolo ricerca la potenza. Morte di Zarathustra è uno studio sull’origine del teatro. Le figure che propone sono familiari ed estranee al tempo stesso, perché non fanno appello alla memoria individuale o agli studi dello spettatore, ma a una memoria ancestrale, condivisa dalla coscienza di ognuno, perché propria di una cultura profondissima e dimenticata. La tragedia classica trae origine dall’esperienza straordinaria del coro ditirambico, di cui esistono poche tracce e di cui in genere il teatro non si occupa. Ma nel tentativo di ricontattare le sue origini più misteriose e remote si può immaginare qualcosa di nuovo, che non ha mai smesso di essere indispensabile.


Interpreti dello spettacolo di produzione del teatro Akropolis sono Luca Donatiello, Francesca Melis, Alessandro Romi e Felice Siciliano.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here