MONEYGRAM. IL “GENOVESE” RANASINGHE VINCE LA CATEGORIA OCCUPAZIONE

0
CONDIVIDI
damian-ranasinghe

damian-ranasingheGENOVA. 2 LUG. Damian Ranasinghe, imprenditore di origine cingalese di Genova, ha vinto il MoneyGram Award 2015 – il Premio all’ Imprenditoria Immigrata in Italia – nella Categoria Occupazione.

Damian Ranasinghe, nato in Sri Lanka nel 1976 è residente a Genova e ha vinto il MoneyGram Award per l’Occupazione.

Si trasferisce con la famiglia in Italia nel 1988 e nel 2000 apre a Genova insieme ad un socio il primo di una serie di locali notturni che conquistano presto la ribalta della movida genovese.

 

Nel 2005 crea Soho Restaurant & Fish Work, un brand che riesce a combinare cultura e gusto e di cui creatività e un’accurata gestione economica sono il segreto.

Con l’inaugurazione dei locali di Genova, Milano, Caserta e Praga, il marchio è divenuto in breve tempo un’importante catena di ristoranti.

Nel 2014 Soho Restaurant ha fatturato circa 3 milioni euro – in crescita del 20% rispetto all’esercizio precedente – e contava tra i 40 e i 50 dipendenti. Per l’anno in corso si prevede un aumento del fatturato del 15-20%.

Damian è inoltre titolare di Damastrategy una società di consulenza e strategia in ambito food che segue i progetti d’impresa in tutte le loro fasi, dall’ideazione del brand sino alla sua implementazione.

Abderrahim Naji è il vincitore assoluto del MoneyGram Award 2015, Joanna Grunt (Polonia), Evelyne Sarah Afaawua (Ghana), Lenka Kosikova (Repubblica Ceca), Sihem Zrelli (Tunisia), Marco Wu (Italia), i vincitori degli altri Premi di categoria.

Il Premio, che ha cadenza annuale, è stato ideato da MoneyGram per promuovere l’eccellenza delle aziende gestite da imprenditori stranieri in Italia – stimate in oltre 630 mila nel 2014 – e premiare chi ha saputo esportare ed adattare con successo il proprio modo di fare impresa nel nostro paese.

I premi sono stati assegnati da una giuria, composta da esponenti di spicco del mondo istituzionale, economico e accademico, presieduta da Natale Forlani, Direttore Generale della Direzione dell’immigrazione del Ministero del Lavoro.

La settima edizione di questo Premio, ancora una volta ci ha permesso di scoprire numerose storie di successo di imprenditori che non hanno temuto la crisi e sono riusciti con coraggio e perseveranza a diventare punti di riferimento nell’economia italiana in diversi settori, anche di nicchia e ad alto livello di tecnologia”, ha spiegato Massimo Canovi, Vice President Southern Europe di MoneyGram.

Il più prestigioso dei riconoscimenti del MoneyGram Award, il Premio assoluto all’Imprenditore Immigrato dell’Anno è stato assegnato a Abderrahim Naji rappresentante di eccellenza di tutte e cinque le categorie del Premio (Crescita, Occupazione, Innovazione, Imprenditoria Giovanile e Responsabilità Sociale).

Abderrahim, nato a Béni Mellal in Marocco nel 1967, arriva in Italia nel 1989 dove risiede a Piazzola sul Brenta, in provincia di Padova.

Nel 1997 acquista CS Stampi, azienda per la quale aveva lavorato per quasi 10 anni alle dipendenze di un imprenditore italiano. L’azienda è attiva nello stampaggio di articoli tecnici in materiale plastico per l’industria automobilistica ed elettrodomestica e nella progettazione e sviluppo di stampi.

Gli altri premi di categoria del MoneyGram Award sono stati assegnati come di seguito.

Joanna Grunt, polacca e fondatrice della boutique di bra fitting Pati Jò, vince nella categoria per l’Innovazione.

Nel 2012, dopo la frequentazione di un corso di alta specializzazione in Bra Design and Manufacture in Inghilterra, fonda Pati Jò la prima e sola boutique di bra fitting in Italia. La boutique realizza lingerie su misura, adattandola alle forme e alle proporzioni del corpo delle clienti. 

Il MoneyGram Award per l’Imprenditoria Giovanile viene attribuito a Evelyne Sarah Afaawua, di origini ghanesi, per il suo sito online dedicato alla cura dei capelli Afro.

Evelyne, nata a Poitiers in Francia nel 1988 da genitori ghanesi, si trasferisce in Italia e risiede a Muggiò in provincia di Monza e Brianza.

Nel 2014 idea Nappytalia, il primo blog interamente in lingua italiana sulla cura dei capelli Afro al naturale, un punto di riferimento per le ragazze italiane di origini africane o latine.

Lenka Kosikova, ex atleta della nazionale ceca di pallamano, si aggiudica il MoneyGram Award per la Crescita del Profitto. 

Lenka, nasce nel 1974 a Kyjov, nella Moravia meridionale oggi risiede a Roma. 

Nel 2008 fonda Kvetna 1794, azienda attiva nella produzione e distribuzione di cristalleria ceca d’alta gamma. 

Il MoneyGram Award per la Responsabilità Sociale è stato conferito a Sihem Zrelli, nata nel 1971 a Gabes in Tunisia e arrivata in Italia nel 1995; nel 2013 mette a frutto le competenze acquisite avviando ad Aprilia, in provincia di Latina, Villa Sihem, una casa famiglia per anziani.

Il Riconoscimento G2, la novità della settima edizione del MoneyGram Award, dedicato agli imprenditori immigrati di seconda generazione, è stato assegnato a Marco Wu, imprenditore italiano di origini cinesi, classe 1984, all’età di 5 anni si trasferisce a Roma; a 28 anni diviene titolare dell’enoteca P.S.C.C 2012, specializzata nell’import-export di vini e alimentari di qualità. Marco si propone di insegnare ai cinesi a gustare e apprezzare il vino italiano. (nelle foto: Damian Ranasinghe durante la premiazione di MoneyGram Award 2015 ed insieme al figlio e il ristorante Soho).

 

LASCIA UN COMMENTO