Home Politica Politica Genova

Migranti richiedenti soldi, Rixi: vanno schedati. Bye bye wi-fi, sim card e mancetta

18
CONDIVIDI
Migrante richiedente l'elemosina (foto di repertorio)

GENOVA. 25 MAG. “Gli immigrati che stazionano davanti a esercizi commerciali, portoni, semafori, parcheggi e vagabondano per le strade di Genova saranno schedati e denunciati alla Prefettura. Chi fa accattonaggio non può godere dei privilegi dell’accoglienza. Sarà uno dei primi provvedimenti che la Lega attuerà quando saremo al governo della città”.

Lo ha dichiarato oggi il segretario della Lega Nord Liguria ed assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi, che ha denunciato inerzia e buonismo della giunta Doria-Crivello che sul fenomeno dell’accattonaggio da parte degli immigrati ospiti delle strutture di accoglienza.

Bye bye, quindi, a wi-fi, sim card, mancetta, tessera del bus e dei musei, formazione e lavoro, menù di loro gusto, cameretta in edifici vista mare (come recentemente successo nelle riviere) ed altro, per gli scansafatiche ed accattoni che appaiono più “furbacchioni” che “presunti profughi”.


D’Altronde, anche i responsabili dell’associazione Migrantes di Coronata hanno attaccato quei giovani migranti che in questi giorni hanno protestato davanti alla Prefettura e presso il centro di accoglienza, perché in sostanza non hanno nessuna voglia di seguire i corsi di formazione, né di costruirsi un futuro e preferiscono andare in giro a fare accattonaggio.

“La giunta Doria-Crivello – ha aggiunto Rixi – non solo non ha supportato i piccoli commercianti, taglieggiati da una politica di fiscalità locale disumana, ma ha favorito e alimentato la povertà diffusa, che genera degrado, disagio sociale e minaccia la sicurezza pubblica.

La manifestazione di martedì degli immigrati di Coronata è stata un campanello d’allarme forte che sta facendo ricredere anche i sostenitori del ‘porgi l’altra guancia’. È ora di finirla con questo andazzo.

Genova va liberata, non si merita di restare ostaggio di chi promuove solo nuove povertà. I genovesi hanno bisogno di lavoro, non di accattoni davanti al portone, ai parcheggi o ai supermercati.

Il quartiere di Coronata è stato ostaggio di una rivolta di circa 60 immigrati ospiti di una struttura della zona, che hanno organizzato una manifestazione non autorizzata, in strada. I cittadini della zona, che ci hanno segnalato l’accaduto, sono fortemente preoccupati. Una situazione assurda e vergognosa: non è accettabile che i cittadini onesti debbano subire le conseguenze dell’accoglienza diffusa, che mina la sicurezza dei nostri quartieri.

Se siamo arrivati a questi punti, bisogna ringraziare la giunta Crivello-Doria che in questi anni ha incentivato e favorito questo sistema, un business per pochi che lucra su disperati, importa nuovi poveri. Altro che integrazione.

La vera integrazione passa dal lavoro e non dal bivacco e dall’accattonaggio per le nostre strade. È ora di finirla. Genova non ha bisogno del business delle coop della finta accoglienza, ma vuole lavoro e sviluppo per i nostri giovani e non solo.

La Lega al governo della città rivedrà a fondo l’attuale sistema dell’accoglienza che non può continuare a essere subita dai genovesi, per colpa di un governo incapace nel regolare l’immigrazione nel Paese e con un Comune finora complice delle insensate politiche nazionali”.

 

 

18 COMMENTI

  1. Se percorri via Sestri a Sestri Ponente e dai un obolo ad ogni richiedente, quando sei in fondo alla via,puoi tranquillamente tornartene a casa che la giornata la hai già “Guadagnata” .Quello che più sconcerta è quando posteggi in Centro,oltre alla modica cifra di 2,5 euro l’ora,devi pagare un supplemento contro gli atti vandalici,altrimenti molto difficilmente ritrovi l’auto come la hai lasciata.Quindi un minimo di controllo credo non guasti,se non altro in virtù delle Tasse che paghiamo.!!!!!!!!

    • E intanto finché i nostri idioti compaesani continuano a mettergli le monetine nei cappelli con una resa credo di cinquanta euro al gg. ..sti qui chi se li schioda più! !!!

  2. ma la colpa è di qualche scemi che le danno soldi io conosco un nigeriano che fa più di 100€ al giorno senza fare un cazzo
    Questi nigeriani devono andare a caricare e scaricare la roba con quella fisico fortche c’è l’hanno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here