Home Politica Politica Genova

Migranti e pericoli sanitari, Senarega (Lega): i costi sulle spalle dei liguri

0
CONDIVIDI
Il vice capogruppo regionale del Carroccio Franco Senarega con Matteo Salvini a Recco

GENOVA. 13 DIC. Il consigliere regionale del Carroccio ligure, Franco Senarega, stamane ha presentato in aula un’interrogazione sui controlli sanitari per i migranti, che arrivano nella nostra regione.

“In Italia vi è un costante flusso di migranti provenienti da Paesi a rischio anche dal punto di vista sanitario, con un massiccio flusso di persone, potenzialmente affette da malattie contagiose, che è preoccupante e comporta una continua situazione di attenzione.

La Liguria continua a subire ondate di nuovi arrivi, che stanno provocando problemi sia per la cittadinanza, sia per il nostro sistema sanitario. La tipologia degli esami ai quali vengono sottoposti i migranti, che solo per circa il 20% risultano effettivamente profughi e per l’80% sono irregolari, riguarda una mera sorveglianza sindromica, ossia uno screening per rilevare eventuali sintomi di malattie. A tutti loro è permesso di circolare liberamente e non vi è l’obbligo di sottoporsi alle cure.


Come precisato dall’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale, che ringrazio, la situazione del sistema sanitario regionale è difficile perché c’è un forte impatto negativo, data la carenza di personale. Ora, grazie agli sforzi dell’assessorato, è stato attivato un coordinamento tra Asl e Prefettura.

Però è emerso che anche i costi della criticità di Ventimiglia sono a carico della Regione Liguria perché il governo centrale fa tanti proclami e passerelle, ma poi sul campo si disinteressa dei problemi concreti. E’ assurdo. Così come è inaccettabile che aumentino ancora i numeri dei migranti in arrivo.

Più loro aumentano, maggiori saranno i problemi per la sanità ligure e i nostri concittadini”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here