Miele cinese spacciato per italiano, ma la Gdf non ci casca: sequestri

1
CONDIVIDI
Il miele anche in cucina e pasticceria
Miele cinese spacciato per italiano, ma la Gdf non ci casca
Miele cinese spacciato per italiano, ma la Gdf non ci casca

GENOVA. 15 LUG. C’era pure il miele cinese, spacciato per italiano. La Guardia di finanza di Genova nei giorni scorsi ha denunciato 11 persone per contrabbando di generi alimentari e frode in danno dei consumatori. Inoltre, la GdF ha sequestrato quintali di prodotti per un valore di 100mila euro, accertando un’evasione fiscale di 10mila euro.

L’operazione “Heavy food ” era partita da alcuni accertamenti sul traffico dei container in arrivo e in partenza dal porto di Genova.

Tra i prodotti sequestrati miele di origine cinese, venduto per italiano da un grossista dell’entroterra di Genova, e olio esportato in Messico da un commerciante toscano, che lo spacciava per extravergine italiano.

 

I finanzieri hanno individuato tutta la filiera delle compravendite di prodotti taroccati, individuando numerosi negozi e supermercati in Liguria e in altre regioni.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO