Meno 2 giorni al Santuario del Jazz con Max Weinberg

0
CONDIVIDI
Wax Weinberg
Wax Weinberg
Wax Weinberg

SAVONA. 5 AGO. Giunge alla V edizione con un grande ospite della musica internazionale, “Il Santuario del Jazz”, con Max Weinberg, batterista storico di Bruce Springsteen. Il concerto comincerà alle 21:00, dal pomeriggio stand enogastronomici locali.
“Nel corso degli ultimi cinque anni, con questa iniziativa, abbiamo dimostrato come sia possibile organizzare eventi non solo di qualità ma anche internazionali nelle nostre periferie -spiega l’ideatore della manifestazione, l’assessore Sergio Lugaro – La scelta di dare questo segnale forte nelle zone decentrate è stata premiata; ricordo il successo delle edizioni precedenti che hanno visto ospiti del palco di N.S. di Misericordia Tino Tracanna, Luciano Milanese, Jesse Davis, Richard Sinclair, i Taraf de Haidouks e Peter King. Con la quinta edizione arriveremo però ad un livello di qualità difficilmente raggiungibile. Sarà infatti di scena il Max Weinberg Quintet, direttamente dagli Stati Uniti per 5 tappe italiane, tutte a pagamento, eccetto la nostra. La storia di Weinberg nasce da una collaborazione iniziata nel 1974 e mai conclusa con la sua E-Street Band e Bruce Springsteen. Il suo Jazz-Swing conquisterà molti appassionati di tutti i generi musicali. Dimostreremo, una volta di più,  come si possa fare cultura di alto livello in tutti i quartieri, e il Santuario del Jazz è un esempio importante del progetto di decentramento di questa Amministrazione -conclude Lugaro – Ringrazio naturalmente Opere Sociali per il supporto all’iniziativa, il comitato dei commercianti del Santuario che, con vari stand, faranno gustare i prodotti tipici liguri, a partire dal pomeriggio, a chi vorrà assistere al concerto e al dj set che inizierà alle ore 19.  Saranno inoltre presenti, nello splendido contesto della P.zza di N.S. della Misericordia,  gli artisti della Valle del Santuario che esporranno le loro opere.”.
Prima e dopo il concerto, dj set Marco Repetto “Nu sound and nu jazz”.
L’appuntamento jazz per eccellenza a Savona, è promosso dal Comune di Savona – Assessorato ai Quartieri e Decentramento e l’Associazione Raindogs House, con il sostegno di A.S.P. Opere Sociali di N.S. di Misericordia di Savona, in programma venerdì 7 agosto alle ore 21 nella piazza del Santuario, ad ingresso gratuito.

Santuario del Jazz 2015
Santuario del Jazz 2015

THE MAX WEINBERG QUINTET- NOTA A CURA DI RAINDOGS HOUSE
Questa volta, sul palco, il Boss è lui. Max Weinberg, storico batterista della E-Street Band di Bruce Springsteen, con cui collabora da 41 anni, arriva in Italia con uno show in cui è assoluto protagonista. Grande appassionato di jazz, nella sua carriera Weinberg ha dato vita a diverse formazioni jazzistiche: dalla Max Weinberg Big Band al più recente MaxWeinberg Jazz Quintet, con cui è attualmente in tour.
Cinque le tappe fissate nel Belpaese: il 2 agosto a Cortona (borgo che nel 2013 lo ha insignito della cittadinanza onoraria) per il Cortona Mix festival, il 3 agosto a L’Aquila per il festival Blues sotto le stelle, il 4 agosto al Blue Note di Milano, il 7 agosto a Savona per il festival Il santuario del jazz e l’8 agosto al festival Strade Blu di Brisighella.
Mighty Max – questo l’appellativo con cui Bruce Springsteen presenta Weinberg durante i suoi concerti – si accomoderà naturalmente alla batteria, condividendo il palco con musicisti altrettanto eccezionali: Dave Kikoski al pianoforte, Cameron Brown al contrabbasso, John Bailey alla tromba e Brandon Wright al sax. Il quintetto proporrà un repertorio in bilico tra classic jazz, be-bop e swing, strizzando l’occhio agli anni Quaranta e Cinquanta e ricreando le atmosfere rese immortali da artisti come Charlie Parker e Dizzy Gillespie.

BIOGRAFIA
Protagonista sui palchi di mezzo mondo da oltre 40 anni, Weinberg è giunto alla notorietà come batterista del Boss e della sua E-Street Band, alla quale si unì nel 1974 dopo aver risposto ad un annuncio su un giornale. Dal 1993 è leader dei The MaxWeinberg 7, band del celebre show televisivo statunitense Late Night with Conan O’Brien, con i quali ha realizzato un omonimo disco nel 2000. È l’autore di The Big Beat: Conversations with Rock’s Greatest Drummers (1981), una serie di interviste con batteristi di ogni epoca. Ha suonato in due degli album più venduti di sempre: Born in the U.S.A. Di Bruce Springsteen (1984) e in Bat Out of Hell di Meat Loaf (1978). E’ stato inoltre tra gli artefici del successo mondiale dell’album Faster Than the Speed of Night di Bonnie Tyler. Nella sua carriera di musicista ha dato vita a numerosi progetti collaterali, collaborando con decine di celebri artisti: da Paul McCartney a Sting, da Bono a Tom Jones, da Ringo Starr a Bob Dylan. Fortissima anche la passione per il jazz, che suona non appena ne ha occasione.

LASCIA UN COMMENTO