Home Cronaca

Maxi sequestro a Belsito per la Tanzania

0
CONDIVIDI
L'ex tesoriere leghista Francesco Belsito: stamane la GdF gli ha sequestrato beni fino a 7.5 milioni di euro
Maxi sequestro per Belsito
Rimborsi Lega Nord, maxi sequestro a Belsito

GENOVA. 23 NOV. Tanzania e Cipro, maxi sequestro nei confronti di Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega Nord, sottosegretario del governo Berlusconi e vice presidente di Fincantieri.Il Tribunale del Riesame di Genova oggi  ha accolto la richiesta del pm Patrizia Ciccarese di sequestrare all’ex politico 2,5 milioni di euro. Secondo l’accusa, i soldi sarebbero stati depositati su conti all’estero omettendoli dalla dichiarazione dei redditi e sottraendoli al fisco italiano.

L’ex esponente del Carroccio, cacciato anche dalla sede di via Macaggi dalle scope dei Giovani Padani, si era opposto al provvedimento. I suoi avvocati Alessandro Vaccaro e Paolo Scovazzi avevano sostenuto che quella somma era rientrata nella disponibilità del partito e non poteva essere sequestrata. Il gip Ferdinando Baldini aveva quindi respinto la richiesta della procura, ma il pm aveva presentato il ricorso. Le toghe genovesi sostengono che tra i redditi tassabili rientrano anche quelli provento di illecito.

La storia del sequestro milionario comincia dalla presunta truffa ai danni dello Stato sui rimborsi elettorali ottenuti dalla Lega Nord: una parte di quei fondi sarebbero stati trasferiti in Tanzania e a Cipro. Per la vicenda dei  rimborsi Belsito è stato rinviato a giudizio per truffa insieme al leader leghista Umberto Bossi. Per l’ex tesoriere c’è anche l’accusa di appropriazione indebita aggravata. Fabrizio Graffione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here