Home Cronaca Cronaca Genova

MATURITA’: AL VIA DOMANI PER 12MILA DIPLOMANDI LIGURI CON LA PRIMA PROVA D’ITALIANO

0
CONDIVIDI

esamestatoscuolalnGENOVA 18 GIU. E’ dunque arrivata per i 12mila circa maturandi liguri (6mila solo in provincia di Genova) la classica, un po’ romantica, e molto nostalgica (per chi ci è già passato…), “notte prima degli esami”.

Domani, mercoledi 19 giugno, sotto a chi tocca con la Prima Prova, il Tema d’Italiano. Tempo disponibile per giocarsi 15 dei 75 punti in palio per tutto l’Esame di Stato, massimo 15 punti ciascuna per Prima, Seconda e Terza prova a quiz e max 30 punti per il colloquio orale…il più ansiogeno per tutti…chi più, chi meno.

Domani mattina dunque “suona la campana” alle 8 in punto negli Istituti Superiori a durata quinquennale per i “diplomandi” alla caccia di qualcosa che di questi tempi di crisi può anche più dell’ingiustamente vituperato “pezzo di carta” con lo Stellone della Repubblica.


Il tema di italiano spremerà gli alunni concedendo un tempo massimo di 6 ore di fatica e sudore, penna alla mano, dizionario sul banco, protocolli a righe stesi sul tavolino con il timbro della scuola di appartenenza. Come ormai da 15 anni dal Ministero dell’Istruzione giungeranno all’ultimo secondo le tracce d’esame con cui dovranno confrontarsi i 12mila rampolli da esaminare alla fine di un lungo (l’ultimo…) anno di scuola: poi la vita da adulti. Saranno 4 le tipologie di elaborato tra cui gli studenti potranno scegliere: l’analisi di un testo letterario (poesia o prosa d’autore), saggio breve o articolo di giornale suddiviso in altre 4 sottotipologie argomentative, l’ambito letterario, il socio-politico, lo storico-politico ed il tecnico-scientifico (tutti corredati da ampli brani selezionati dal dicastero di Trastevere da autori vari anche non letterati), infine la tipologia prettamente storica e il tema di ordine generale, questi ultime due con tracce “secche” senza documenti.

Al via, di regola, la normale “roulette” delle previsioni last-minute su autori o argomenti da trattare: si va da Ungaretti a Pavese, dalla violenza sulle donne, alla crisi economica ma ancora bioetica, rapporto scienza-uomo, Costituzione 1948 ed addentellati vari, Unione Europea al “bivio”, religione vaticana e rapporto con la società “relativizzata”, eco sostenibilità ambientale, spreco del cibo, fame nel mondo, destabilizzazioni geopolitiche derivata da guerre regionali…dulcis in fundo ONU e globalizzazione delle relazioni internazionali…eppoi in realtà “solo chi vivrà vedrà”.

A seguire, giovedi 20 giugno, la Seconda Prova di indirizzo specifico del tipo di Istituto e infine lunedi 24 giugno, l’ultimo scritto denominato il “quizzone” con materie e tipologia di svolgimento a scelta della singola Commissione d’Esame: per i ragazzi genovesi tale giorno sarà “festivo” in quanto data della Festa del Santo Patrono della “Superba” San Giovanni Battista…varrà la pena di chiedergli il classico “aiutino” con una preghierina…ma sincera, il Battista, di solito, non fà sconti a nessuno che non sia realmente pentito, all’ultimo minuto, di non essersi applicato decentemente agli studi in 8 lungi mesi di lezioni…In bocca al lupo a tutti i diplomandi liguri da LN.

Marcello Di Meglio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here