Matteotti blindata per il Congresso eucaristico, l’omelia di Bagnasco

2
CONDIVIDI

GENOVA. 16 SET. Oggi via San Lorenzo e piazza Matteotti sono state blindate per la messa d’inizio del Congresso eucaristico.

Per via San Lorenzo sembrava, ahimé di essere tornati ai tempi del G8 con i tombini saldati.

Piazza della Raibetta è stata sgomberata dai veicoli, mentre all’inizio di via San Lorenzo due mezzi della guardia di finanza ostruivano la strada modello check point.

 

Lungo via San Lorenzo e piazza Matteotti presenti pattuglie dei carabinieri e della polizia in divisa ed in borghese. Mentre sedie e tavolini dei locali nella via soono stati eliminati.

In serata la messa d’inizio del Congresso eucaristico officiata  dal cardinale Bagnasco arcivescovo di Genova, presidente della Cei e delegato di Papa Francesco.

“Dio – ha detto Bagnasco nell’omelia – non è lontano, nessuno è orfano in questo angosciato tempo, non siamo vagabondi senza meta, la solitudine non è il nostro destino”.

Poi un messaggio all’Italia intera: “Vorremmo che l’Italia si accorgesse che sta accadendo qualcosa nel suo grembo, qualcosa di vero e di bello che la riguarda da vicino… una Chiesa soprattutto del cuore”.

“Ogni cristiano – dice Bagnasco lanciando un augurio – dovrebbe vivere in modo da fare una santa invidia ad altri che sorpresi si chiederanno il segreto di questo singolare stare al mondo”.

Immancabile il ricordo alle popolazioni colpite dal terremoto e l’invito alle donazioni di domenica.

La messa si è poi conclusa con la processione verso la cattedrale e la benedizione davanti a San Lorenzo.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO