Home Cronaca Cronaca Genova

MATHAS. NELLA SENTENZA LE MOTIVAZIONI DELL’ ASSOLUZIONE

0
CONDIVIDI
katerina mathas

katerina mathasGENOVA. 17 OTT. “L’ora della morte del bambino e il comportamento di Katerina Mathas sono soggetti a interpretazioni alternative e non sono dunque idonei ad affermare la colpevolezza dell’imputata”.

Sono queste le principali motivazioni della sentenza con la quale i giudici della Corte d’assise di Genova lo scorso maggio avevano assolto la madre del piccolo Alessandro Mathas, il bambino di 8 mesi morto nella notte tra il 15 e il 16 marzo 2010 in un residence di Nervi.

In particolare secondo la perizia avanzata dalla difesa, il bambino sarebbe stato ucciso tra le 00.10 e l’1.30, mentre la donna si trovava fuori dal residence alla ricerca di stupefacente.


“La Mathas quella notte era disinteressata al figlio essendo concentrata sulla necessità di soddisfare il proprio bisogno di droga. E’ verosimile che la donna abbia dato una sommaria occhiata al bimbo rassicurata dal fatto di averlo trovato nella stessa posizione in cui lo aveva lasciato”, scrivono i magistrati nella sentenza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here