Home Politica Politica Genova

MARUSKA PIREDDA: “IL POSTO FISSO, UN VERO MIRAGGIO”

0
CONDIVIDI

GENOVA. 28 AGO. Secondo l’ultima indagine Excelsior-Unioncamere, le previsioni nelle assunzioni delle imprese liguri, tra il secondo e il terzo trimestre 2012, calano del 47%.
«L’arresto di Antonio Rappoccio, consigliere regionale calabrese della giunta Scopelliti, per il reato, tra gli altri, di corruzione elettorale aggravata, ricorda tanto il “metodo Lauro”, cioè quello del noto Achille, armatore napoletano, che era solito, sotto elezioni, regalare ai propri elettori la scarpa destra prima e, dopo il voto, quella sinistra, a elezione avvenuta». Così commenta Maruska Piredda, consigliere regionale e responsabile Lavoro per la Liguria di Italia dei Valori.
«Un posto di lavoro, per di più falso, come merce di scambio per un voto. Questo dovrebbe far riflettere su come lo scenario occupazionale dell’Italia di oggi sia poco cambiato rispetto alla Napoli degli anni Cinquanta quella di Lauro, messa in ginocchio dalla Seconda Guerra mondiale. Oggi basta la promessa di un posto di lavoro in una società fittizia per far cedere al ricatto un migliaio di cittadini che scelgono di “vendere” la propria libertà di voto.
Basta il miraggio di quel posto fisso oramai diventato merce rara, sulla via della totale estinzione. E mentre il governo dei professori, anziché misure efficaci a sostegno del lavoro, partorisce nuove tasse (ci chiediamo se il nuovo balzello sulle bibite analcoliche rientri nei progetti di crescita del sistema Italia), le previsioni sull’occupazione sono sempre più nere.
Dall’ultima analisi Excelsior-Unioncamere su dati del ministero del Lavoro su un campione di 60mila aziende, risulta che le assunzioni previste dalle imprese per il terzo trimestre del 2012 sono circa 3.800 in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, all’incirca -2% in confronto al 2011.
Appare netta, inoltre, la riduzione congiunturale con oltre 69mila assunzioni in meno rispetto al trimestre precedente di cui 47.500 stagionali e 21.800 “non stagionali”. Il che tradotto: i posti di lavoro sono sempre meno e quando c’è la domanda, nel 69% dei casi l’assunzione è precaria. Debole la domanda di lavoro da parte delle imprese, con un tasso di entrata di appena 13,8 assunzioni ogni 1.000 dipendenti e minori difficoltà di reperimento del personale da assumere. Evidentemente, pur di lavorare, si accetta qualsiasi offerta.
E la Liguria non se la passa di certo meglio. Per il terzo trimestre del 2012, le imprese liguri hanno in programma, sempre secondo l’indagine Excelsior-Unioncamere, 4.300 assunzioni, il 47% circa in meno rispetto al trimestre precedente e il 13% in meno rispetto allo stesso periodo del 2011. Nel primo trimestre di quest’anno rispetto a quello del 2011, il mercato del lavoro regionale ha presentato un lieve incremento delle forze di lavoro (+3mila unità), ma, allo stesso tempo, l’occupazione ha subito un calo di -12mila posti di lavoro. L’incremento della disoccupazione è di 15 mila unità, di cui 2mila uomini e 13mila donne, per un totale di stock di senza lavoro di 60mila liguri. Il tasso di disoccupazione è salito dal 6,5 all’8,6% (dall’8,6 al 10,9% in Italia). In calo soprattutto i lavoratori dipendenti (-8 mila), con particolari concentrazioni nel settore manifatturiero (-15mila), suddiviso tra industria (-7mila) ed edilizia (-8mila). La forte crisi delle costruzioni è confermata anche dal calo degli “indipendenti” (-9mila), cioè quell’esercito in gran parte composto di partite Iva che mascherano il lavoro dipendente legato all’apertura di questo o quel cantiere.
Dati questi che il ministro Fornero conoscerà certamente molto bene. Chissà se ha già pensato di cambiare il nome il proprio dicastero: da ministero del Lavoro a quello della disoccupazione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here