ARCHIVIO

Marquez su Facebook viene coperto di insulti

[caption id="attachment_176842" align="alignleft" width="300"] Facebook Marc Marquez[/caption]
Marquez su Facebook viene coperto di insulti
CERVERA. 28 OTT. “Tutti hanno potuto vedere quello che è successo in gara, ho già detto tutto quello che avevo da dire. In questo momento sto pensando solo a Valencia, per divertirmi e regalarvi una bella gara”. A parlare è Marc Marquez sul suo blog. Lo spagnolo, protagonista del duello-scontro con Valentino Rossi durante il gp della Malesia, costata una pesante penalità per a quest'ultimo, sceglie di stemperare in questo modo la situazione in vista dell'ultima gara della stagione, tra dieci giorni a Valencia.

“Veniamo – prosegue Marquez - da tre settimane molto dure - le parole di Marquez sul blog - una dopo l'altra. Con tre GP di fila, con il tempo che cambia, i tanti spostamenti, tutto diventa molto stancante alla fine. Inoltre, queste sono gare che ti costringono a spingere continuamente al limite. E' molto difficile dormire o adattarsi a causa dei cambiamenti climatici, molto diversi tra loro. Per quanto riguarda le gare, sono davvero felice della nostra prestazione sia in Giappone e in Australia”... “La squadra ha dato tutto, siamo stati veramente competitivi su entrambi i circuiti. In Malesia - prosegue Marquez - abbiamo avuto delle buone sensazioni fin dal primo giorno”.

La reazione dei tifosi (di Valentino ndr), è stata immediata e piuttosto pesante. Lo hanno attaccato coprendolo d'insulti su Facebook e questo, sinceramente, esula un po' troppo dalla sportività.

Ecco il video sul profilo di Facebook e il blog ufficiale di Marquez.

Il profilo di Marquez su Facebook: https://www.facebook.com/marcmarquez1993/

Il sito ufficiale: http://marcmarquez93.com/

 
!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?'http':'https';if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+"://platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");