Marocchino topo d’appartamento? No spacciatore: arrestato

0
CONDIVIDI
Savona, 37enne denunciato per resistenza e minacce

GENOVA. 13 SET. Ieri sera agenti hanno arrestato un marocchino di 31 anni, pluripregiudicato con precedenti specifici, per detenzione di sostanze stupefacente, al fine di farne commercio.

Gli agenti sono intervenuti grazie al senso civico di un cittadino attento che ha chiamato il 113 dopo aver notato l’uomo scavalcare un’inferriata per raggiungere il balcone di un caseggiato di corso Sardegna.

Gli agenti, supponendo si trattasse di un furto in abitazione in atto, hanno bloccato tutte le vie di fuga e hanno raggiunto l’appartamento.

 

All’interno era presente una giovane 23enne genovese e il magrebino che ha giustificato il suo gesto asserendo di essere il locatore dell’appartamento e di aver dimenticato le chiavi.

Uno dei poliziotti, mentre l’uomo parlava con il suo collega, ha notato sul tavolo della cucina un involucro contenente una polvere bianca e due pezzi di sostanza solida marrone.

Così è scattata, subito, la perquisizione che ha portato al rinvenimento di 82 grammi di cocaina e 65 grammi di hashish, oltre a 1.200 euro in banconote di piccolo taglio.

La 23enne, inoltre, ha ammesso di trovarsi a casa del marocchino, noto spacciatore del centro storico, per l’acquisto dello stupefacente, confermando così i sospetti degli agenti.

Lo straniero è stato anche segnalato per ricettazione poiché trovato in possesso di documenti vari, alcuni intestati, alcuni denunciati come smarriti ed alcuni come oggetto di furto.

LASCIA UN COMMENTO