Marocchino rapina minorenni. Sottoposto a fermo

0
CONDIVIDI
Livelli di attenzione alzati anche a Genova in seguito agli attentati di Parigi
La Polizia ha fermato un 26enne marocchino con numerosi precedenti di Polizia, riconosciuto quale responsabile di una rapina
La Polizia ha fermato un 26enne marocchino con numerosi precedenti di Polizia, riconosciuto per una rapina

GENOVA. 4 SET. La Polizia ha fermato in via Gramsci un 26enne marocchino con numerosi precedenti di Polizia, riconosciuto quale responsabile di una rapina commessa mercoledì sera ai danni di un gruppo di ragazzi sedicenni.

I giovani erano stati avvicinati in Piazza delle Erbe dal malintenzionato che, brandendo un martelletto frangi vetro, li aveva minacciati.

In particolare due ragazzi erano stati rapinati del proprio smartphone e uno di essi, afferrato per il polso e strattonato, era stato costretto a ricorrere alle cure dei sanitari e dimesso con 3 giorni di prognosi.

 

La descrizione fornita dalle vittime, in particolare l’indicazione di un tatuaggio sull’avambraccio del rapinatore, ha consentito agli agenti di indirizzare i propri sospetti sul 26enne marocchino.

Costui, pochi giorni prima, era stato identificato mentre si aggirava con fare sospetto tra le autovetture in sosta in compagnia di un secondo soggetto rumeno, che era stato denunciato per il porto ingiustificato proprio di un martelletto frangi vetro.

Nel corso del successivo riconoscimento fotografico effettuato dal gruppo di sedicenni, tutti hanno indicato la foto del sospettato quale autore della rapina.

Quest’ultimo è stato infine rintracciato ieri pomeriggio in Via Gramsci accanto ad un’auto in sosta. Dopo aver sbirciato all’interno del veicolo, il 26enne stava per tentare di infrangere il vetro del finestrino con una gomitata quando è stato bloccato dagli agenti della volante del Commissariato Centro.

Accompagnato negli uffici del Commissariato il marocchino, gravato da numerosi precedenti di Polizia e privo di una fissa dimora in Italia, è stato sottoposto a fermo.

LASCIA UN COMMENTO