Home Cronaca Cronaca Imperia

Marco Fusi suona a Sanremo in strada e viene multato, le reazioni

20
CONDIVIDI
Marco Fusi a sanremo mentre mostra la sanzione amministrativa

IMPERIA. 31 LUG. Il noto clarinettista Marco Fusi, intorno alle 19 di ieri, è stato multato dai vigili con una sanzione da 5000 euro mentre si esibiva in corso Matteotti, vicino al teatro Ariston di Sanremo. Secondo gli agenti della polizia municipale, il clarinettista suonava e vendeva i suoi “cd” per strada senza le necessarie autorizzazioni.

“I vigili – ha raccontato Fusi – mi hanno detto di smettere di suonare. Inoltre, siccome avevo nella mia custodia due ‘cd’ con regolare bollinatura SIAE, li hanno presi e quindi mi hanno comminato la multa da 5000 euro. Non avevo cento ‘cd’ ma solo due. E nella mia borsa”.

Fusi ha anche spiegato di essere arrivato a Sanremo munito di regolare permesso e ha aggiunto: “E’ un totale abuso di polizia, farò ricorso, è bullismo istituzionale, non c’è fondamento giuridico”.


L’intervento dei vigili non è piaciuto al sindaco Alberto Biancheri che su Facebook ha commentato l’episodio così: “Ho spiegato che per me è assurdo un intervento di quel genere, senza un senso e totalmente sproporzionato. Ho chiesto di valutare bene la vicenda per poter archiviare d’ufficio la pratica. I problemi di Sanremo sono ben altri, non certo un suonatore di strada”.

Dal comando della Polizia municipale di Sanremo hanno precisato che Fusi vendeva “cd” senza licenza e “pertanto è stata elevata la sanzione di 5000 euro. Fusi aveva un’autorizzazione per esibirsi in strada ma gli è stato elevato un verbale di commercio perché secondo gli agenti aveva questi ‘cd’ in bella vista ed esposti al pubblico con la richiesta di offerta”.

Marco Fusi, che vanta collaborazioni con Moni Ovadia, Ottavia Piccolo, Alex Britti, Fiorella Mannoia, l’anno scorso era stato multato in quanto suonava per strada a Bordighera. La sanzione, poi, era stata annullata.

 

20 COMMENTI

  1. I migranti accattoni però che davvero “rompono” ad ogni angolo di strade (Genova) chiedendo l’elemosina a noi italiani poi, come se navigassimo nell’ oro no?
    Oppure quei “tamarri” con le auto trasformate in mini discoteche che si piazzano in Piazza della Vittoria ogni venerdì o sabato sera/notte mettendo musica a stecca, tanto da far tremare le finestre di case? No?
    A nulla sono serviti esposti scritti e la raccolta delle firme per farli smettere!
    RIDICOLI!

  2. Questa è l’Italia di oggi; forte con i deboli e debole con i forti,VERGOGNATEVI !!!. Mica vanno a disturbare quelli che camminano nudi o scopano ovunque. Il mio Paese . la latrina del mondo intero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here