Home Cronaca Cronaca Mondo

Magistratura fascista: incriminata polizia catalana che rispetta il popolo

2
CONDIVIDI
Feriti in Catalogna nel 'foto collage' pubblicato da Salvini su Fb

BARCELLONA. 1 OTT. La magistratura definita “fascista” dai manifestanti, vuole incriminare i Mossos d’Esquadra, ossia la polizia catalana che oggi, durante le operazioni di sgombero dei seggi, non è intervenuta sparando proiettili di gomma e manganellando la folla inerme con le mani alzate.

Durante i disordini sono rimaste ferite circa 500 persone, anche molti anziani, donne e bambini: “Non si vedevano episodi del genere dai tempi del Franchismo, ma oggi siamo in Europa e la UE appoggia il governo centrale di Madrid”.

Se i giudici hanno vietato il voto consentendo alla Guardia Civil di intervenire con violenza ed effettuare numerosi arresti, i Mossos d’Esquadra si sono schierati davanti alle scuole adibite a seggi, ma non hanno usato la forza contro i loro concittadini.


“Assurdo quanto sta accadendo in Catalogna – ha dichiarato oggi il governatore ligure Giovanni Toti, che stasera partecipa alla Zena Fest co Rixi e Salvini – non si può usare la forza contro donne e uomini che vogliono solo votare. La forza si usa contro i criminali. Al di là di ogni considerazione sulle ragioni e i torti di questo scontro politico, tra i manganelli e le urne elettorali io sto con le urne tutta la vita”.

“Le idee non si arrestano – ha aggiunto l’assessore regionale leghista Edoardo Rixi – viva la democrazia. Solidarietà alle donne e agli uomini liberi della Catalogna”.

“Immagini indegne da Barcellona – aveva già spiegato oggi Matteo Salvini, che aveva pubblicato su Fb un post con le foto dei feriti in Catalogna – un governo che usa la violenza per sgomberare e chiudere i seggi elettorali, prendendosela con anziani e bambini, è una vergogna. Si può essere d’accordo o meno con un Referendum, ma manganellare dei settantenni non è la soluzione. Io amo la libertà, la partecipazione, la democrazia: con la violenza non si risolvono i problemi, le idee non si arrestano”.

 

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here