Home Politica

M5S: in Regione vince il partito delle doppiette

0
CONDIVIDI
Cacciatore si spara ad un piede
M5S punta il dito con il partito ombra in Regione: Toti, Bruzzone, Mai e le doppiette
M5S punta il dito con il partito ombra in Regione: Toti, Bruzzone, Mai e le doppiette liguri

GENOVA. 23 DIC. “Per chi non lo avesse ancora capito, ormai è chiaro: l’assessore Mai, con delega a Caccia e pesca e tutta la giunta regionale sono nelle mani dei cacciatori. E’ di ieri l’annuncio della proroga fino a fine gennaio della caccia al cinghiale perché, secondo le stime (dei cacciatori?) ne sono stati abbattuti “solo” il 57% dei contingenti fissati dal “tavolo tecnico” di agosto scorso”.

Lo ha detto oggi il consigliere regionale M5S Marco De Ferrari, ironizzando sul partito delle doppiette a De Ferrari.

“Il tasso di cinghiali abbattuti – ha aggiunto De Ferrari – è troppo basso? “Andiamo avanti” ordina Mai, a cui evidentemente non sono bastate le direttive europee e le sanzioni del Tar (vedi caccia agli storni). Testardi, assessore e giunta, continuano imperterriti a pensare che la caccia sia la panacea di tutti i mali, quando in realtà ne è la causa principale. La causa confusa con l’effetto”.

In Parlamento, il MoVimento 5 Stelle si è occupato da subito del fenomeno della proliferazione dei cinghiali, presentando, nel febbraio 2014, una risoluzione, i cui impegni sono stati accolti in un atto congiunto della commissione agricoltura il 29 ottobre dello scorso anno.

“Ci permettiamo – ha concluso De Ferrari – anche di ricordare all’assessore Mai e al presidente-cacciatore Bruzzone l’articolo 1 della legge 157/1992, che recita: La fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell’interesse della comunità nazionale e internazionale. Per il contenimento dei danni causati dai cinghiali ci sono numerosi metodi non cruenti, in primis la prevenzione che passa anche attraverso una corretta informazione dei cittadini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here