M5S attacca Toti per i fondi al Galliera

0
CONDIVIDI
Scoperto, cade dal cornicione di casa dell' amante
Il M5S: basta soldi pubblici al Galliera
M5S: basta soldi pubblici all’ospedale della Curia

GENOVA. 10 DIC. Dopo la sinistra, adesso anche il M5S attacca Toti e il Galliera perché i soldi che erano destinati per l’ospedale di vallata di Genova, in Valpolcevera, sono stati invece stanziati per la demolizione e il rifacimento dell’ospedale in centro città.

“La Regione Liguria – ha spiegato oggi il capogruppo regionale M5S Alice Salvatore – ha stanziato ben 40 milioni per questo progetto. Ma perché dobbiamo dare soldi pubblici alla struttura che la Curia del cardinale Bagnasco gestisce in maniera quantomeno discutibile. Ancora il mese scorso sono stati destinati circa 60mila euro per la ristrutturazione di alcuni reparti del Padiglione C, il quale deve, però, essere demolito interamente il più presto possibile. Prima incongruenza, segno di una gestione quantomeno preoccupante: destiniamo soldi pubblici per la demolizione di un padiglione, ma al tempo stesso destiniamo soldi per ristrutturare reparti che appena ristrutturati saranno demoliti con gli altri soldi pubblici.

“La passività della giunta Toti in Regione – ha aggiunto Salvatore – non lascia dubbi. Ad oggi nessuna intenzione di fermare i lavori e ridestinare i soldi per opere più utili: la Lega Nord, ai tempi in cui era minoranza, era tra i più strenui oppositori di questo sperpero di denaro pubblico, mentre ora che si trova al governo e che ha proprio l’assessorato della Sanità, dove c’è Sonia Viale, tace. L’operazione prevede anche residenze e parcheggi (tanto per cambiare). Chi guadagnerà dalla vendita delle residenze e dei parcheggi? Ma ci sono altri elementi ben più inquietanti e dannosi per i malati ricoverati nell’ospedale Galliera. Inoltre, non sarà che la gestione folle degli spazi di quell’ospedale è voluta? Forse per dimostrare che c’è bisogno di demolire? Decine e decine di milioni utilizzati solo per l’ennesima, fallimentare, operazione immobiliare (ma di certo non per chi la attua)? Parliamo di 56 milioni di Euro”.

LASCIA UN COMMENTO