M5S a Toti: vigilare su attività Banca Carige

0
CONDIVIDI
carige genova
carige genova
La pubblicità di Carige a due passi dalla sede della Regione: il M5S martedì presenta interrogazione per chiedere a Toti di vigilare sulla banca ligure

GENOVA. 9 GEN. M5S: “Abbiamo ancora tutti negli occhi le immagini delle migliaia di piccoli azionisti e obbligazionisti che si sono visti polverizzare in pochi giorni i risparmi di una vita nel vortice dello scandalo delle banche popolari”.

Il consigliere regionale M5S oggi ha ricordato gli effetti devastanti del decreto Salva Banche del novembre scorso, con cui il governo Renzi ha dato un colpo di spugna ai debiti degli istituti bancari in default, bruciando circa 2 miliardi e mezzo di euro, quasi totalmente derivati da azioni e obbligazioni subordinate di quasi 150mila piccoli risparmiatori. E ha chiesto al governatore Toti di mettere in atto tutte le verifiche anche in Liguria e, nello specifico, per Carige.

“La bufera – dice il consigliere M5S – ha, per ora, risparmiato la Liguria e la sua banca di riferimento, la Carige, che pure in questi anni è stata a un passo dal baratro, tra scandali finanziari, crolli dei titoli e ricapitalizzazioni. Parliamo di una banca legata a doppio filo alla politica ligure. Non a caso la nomina di un membro del Cda della Fondazione Carige compete proprio alla Regione Liguria. E la stessa Carige, negli anni scorsi, è stata al centro delle polemiche per i rapporti poco chiari con la politica e per alcuni finanziamenti “facili” (Erzelli e Burlando da una parte; Porto di Imperia e Scajola dall’altra), in pieno stile bipartisan con cui i due Claudii si sono spartiti la Liguria negli ultimi dieci anni. Da una parte il cemento. Dall’altra Carige, che in questi anni ha continuato ad emettere azioni, titoli e obbligazioni subordinate: le stesse al centro dello scandalo Etruria e banche popolari. Cosa sta facendo la politica, e in particolare la giunta Toti, per verificare la solidità della banca e scongiurare l’ipotesi di uno scenario drammatico come quelli a cui abbiamo assistito in Toscana, Lazio, Marche, Emilia Romagna e Abruzzo? E ancora: quali strumenti ha a disposizione la Regione Liguria per garantire una vigilanza adeguata sulla situazione economico-finanziaria dell’Istituto Carige Noi, come MoVimento 5 Stelle, lo abbiamo chiesto direttamente al governatore Giovanni Toti attraverso un’interrogazione che discuteremo martedì prossimo in consiglio regionale”.

LASCIA UN COMMENTO