Lutto nel Ponente per la morte del Cavalier Almanzi

0
CONDIVIDI
Roberto Almanzi
Roberto Almanzi
Roberto Almanzi

SAVONA. 20 MARZ. Grande cordoglio in tutta la Rivera di Ponente per la scomparsa, avvenuta l’altra notte, di Roberto Almanzi, ex condirettore centrale della Banca d’ America e d’Italia. Il cavalier Almanzi era molto noto per avere diretto negli anni Sessanta le filiali ponentine della Bai, oggi divenuta Deutsche Bank. Era andato in pensione a Genova nel 1980 e viveva da una decina di anni ad Albenga dove risiedevano i figli Giuliana e Claudio.

Era nato a Bologna nel febbraio del 1917 ed aveva vissuto per tanti anni a Milano ed a Sanremo dove aveva cominciato la sua carriera di bancario. Ex internato nei campi di concentramento in Polonia, durante la seconda guerra mondiale, nel Dopoguerra si era laureato in Economia e Commercio alla Bocconi di Milano. In pochi anni era divenuto funzionario ed era stato nominato direttore prima ad Albenga quindi a Sorrento e Napoli. Nella sua carriera ultraquarantennale aveva diretto decine di filiali fra le quali quelle di Genova, Alassio, Sanremo, Chiavari, Rapallo, Albenga e Villanova d’Albenga, in Liguria; di Napoli, Sorrento, Sant’ Agata dei Due Golfi e Salerno in Campania.

Lascia il figlio Claudio, giornalista ed ex insegnante, attualmente sindacalista dello Snals e la figlia Giuliana, pensionata, la nuora Rosa, i nipoti Cristina, Stefano, Marco, Paolo e Consuelo ed il pronipote Carlo.

 

Tante le testimonianze di stima ricevute in queste ore dai familiari del Cavaliere del Lavoro.
Il Rosario verrà recitato questa sera alle 20, mentre il funerale sarà celebrato lunedì mattina alle 10 nella Chiesa Santuario del Sacro Cuore.
Dopo la cerimonia il feretro verrà trasferito al cimitero monumentale di Valle Armea a Sanremo nella tomba di famiglia. La nostra redazione si unisce al lutto che ha colpito il collega Claudio ed i suoi cari.
ADALBERTO GUZZINATI

LASCIA UN COMMENTO