Home Spettacolo Spettacolo Genova

L’UOMO NEL DILUVIO AL TEATRO ALTROVE

0
CONDIVIDI
l'uomo nel diluvio

l'uomo nel diluvio l'uomo nel diluvioGENOVA. 30 OTT. Venerdì 7 e sabato 8 novembre 2014, alle ore 21 al Teatro Altrove si svolge uno spettacolo che si confronta con lo spettatore L’UOMO NEL DILUVIO  di Simone Amendola e Valerio Malorni, con Valerio Malorni.

Generazionale, sociale, di un presente allargato. Della società e del paese in cui ci hanno costretto a vivere. In un momento in cui la parola emigrazione è così tragica e reale, attraverso il linguaggio del monologo, del video e della relazione con il pubblico,  assistiamo in soggettiva ad un’impresa. Con una struttura originale, percorrendo la linea sottile che separa la verità della persona e quella del personaggio, lo spettacolo inscena una storia individuale che diventa collettiva, per una necessità condivisa di speranze, di possibilità da realizzare.

L’uomo nel diluvio in principio era Noè. Oggi siamo Noi. Perché la parola emigrazione non è mai stata così in voga come ora.
Sotto questo diluvio.


Il progetto nasce dall’incontro con un’immagine di un libro per bambini, molto amato da mia figlia, la storia dell’arca di Noè. Nel libro vi è raffigurata la moglie del patriarca di fronte alla porta di casa, nell’atto di mangiarsi le unghie.

Il marito, impegnato nella costruzione dell’arca, le ha dato il compito di scegliere e prendere tutto ciò che intende salvare dal diluvio, ma lei di fronte all’uscio di casa non entra, indugia, e si mangia le unghie. Di fronte al diluvio quotidiano che siamo chiamati a vivere, cerchiamo di costruire un’arca, in cui custodire ciò che ancora rimane, ciò che ancora sta.
Qualcosa si è rotto, forse le acque, nell’anno 30 della mia vita. E ho cominciato a considerare l’idea di partire, di salvarmi, di salvare mia figlia.

Mi sono chiuso in bagno a leggere e ho trovato un uomo che nell’anno 601 della sua vita scende da un’arca, per fondare una nuova vita, dopo il più grande diluvio della storia. Sono uscito dal bagno, allora, per cercare qualcuno a cui raccontare la storia del secondo patriarca; la storia di questa società; la storia di un uomo che ha bisogno di un’arca e ha solo un ombrello, la storia di un uomo che vuole partire, che non vuole dio.

Spettacolo Vincitore PREMIO IN-BOX 2014 e  Finalista PREMIO SCENARIO 2013 Premio Ilaria Alpi 2010 e Premio Solinas 2014, una produzione Blue Desk. Costo del biglietto 10€ / Ridotto 9€ e 8€. Francesca Camponero

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here