LOANO RICORDA MONSIGNOR GIUSSANI

0
CONDIVIDI

Monsignor Giussani
Monsignor Giussani
SAVONA. 10 SETT. Prosegue questa sera a Loano la kermesse voluta da Cl, in collaborazione con il Comune di Loano e la Cooperativa sociale Iso Theatre, per celebrare degnamente il decimo anniversario della morte di Don Luigi Giussani. Alle ore 21 in piazza Rocca infatti sarà proiettato il documentario pubblicato dal Corriere della Sera:“ Don Giussani 1922-2005”. Attraverso interviste, discorsi e rare immagini d’archivio, verrà proposto l’illuminante pensiero di Don Giussani. Da sabato a palazzo Doria è stata intanto aperta la bella mostra “Dalla mia vita alla vostra”, dedicata proprio a Don Giussani, mentre altre iniziative sono state intraprese, nel comprensorio da Andora e Finale Ligure, per ricordare l’illustre sacerdote di Desio. La mostra (che proseguirà fino al domenica) è stata curata dal “Banco di Solidarietà San Francesco Maria da Camporosso” in collaborazione con Comunione e Liberazione e I.SO Cooperativa Sociale, con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano. Sono presentati 14 pannelli che narrano i tratti fondamentali della storia e dell’opera del fondatore del movimento ecclesiale di Comunione e Liberazione, con immagini e brani significativi della sua vita.
All’inaugurazione della mostra, che si è tenuta nell’Arena Giardino del Principe, c’è stato l’ incontro con Miriam Nembrini, che ha conosciuto da vicino don Luigi Giussani ed ha voluto portare la propria testimonianza riguardo al grande carisma del Gius. Nella fascia oraria tra le 18 e le 21 sono possibili visite guidate. A chiusura della serie di iniziative volte a ricordare Don Giussani, domenica alle ore 21, presso l’ Oratorio delle Cappe Turchine, si svolgerà il concerto pianistico del Maestro Federico Pulina, docente di pianoforte al Conservatorio di Sassari, che ha al suo attivo prestigiosi concorsi e premi.
Nella nostra diocesi sono numerosi i seguaci del “Gius” il cui ricordo resta ancora vivo, soprattutto come grande maestro di vita. La Fraternità di Comunione e Liberazione è un movimento ecclesiale il cui scopo è l’educazione cristiana matura dei propri aderenti e la collaborazione alla missione della Chiesa in tutti gli ambiti della società contemporanea. Il movimento è sorto a Milano nel 1954 quando don Luigi Giussani, diede vita, a partire dal Liceo classico «Berchet», a un’iniziativa di presenza cristiana chiamata Gioventù Studentesca (GS). La sigla attuale, Comunione e Liberazione (CL), compare per la prima volta nel 1969. Essa sintetizza la convinzione che l’avvenimento cristiano, vissuto nella comunione, è il fondamento dell’autentica liberazione dell’uomo. Attualmente Comunione e Liberazione è presente in settanta Paesi in tutti i continenti.
CLAUDIO ALMANZI

LASCIA UN COMMENTO