Ligursystem realizza il sogno ”Aula che vorrei”

0
CONDIVIDI
L'aula che vorrei dell'Istituto Comprensivo Maddalena donato da Ligursystem
L'aula che vorrei dell'Istituto Comprensivo Maddalena donato da Ligursystem
L’aula che vorrei dell’Istituto Comprensivo Maddalena donato da Ligursystem

GENOVA. 29 GIU. Ad oggi, ossessionati dai rumori sempre più incessanti sia all’esterno che all’interno dei luoghi che abitiamo, è diventato sempre più necessario per il nostro benessere correre ai ripari.

Il rumore e ancora di più la riverberazione, compromettono la qualità della vita penalizzando anche la comunicazione verbale tra le persone. Nella scuola questo problema è ancora più sentito. La scuola è il luogo dove maggiormente i nostri figli passano la maggior parte del loro tempo in quanto ascoltano le lezioni, studiano, giocano e  sempre di più si fermano anche a mangiare.

Il rumore all’interno delle aule scolastiche raggiunge solitamente livelli sonori elevati e tipici dei luoghi molto affollati come accade nei ristoranti, bar ecc.

 

L’insoddisfacente acustica delle aule scolastiche è nella maggior parte dei casi riconducibile ad una inadeguata progettazione e realizzazione degli ambienti o semplicemente all’utilizzo di locali molto vecchi e progettati molto indietro nel tempo.

Ligursystem che da decenni si occupa di fono assorbimento acustico ha scelto di soddisfare le esigenze dell’Istituto Comprensivo Maddalena – Bertani di Salita delle Battistine, fornendo in forma gratuita un aula tipo atta a migliorare la comunicazione all’interno e favorire quindi le condizioni per l’insegnamento.

Partner di Ligursystem in questo progetto è stata l’azienda Ecophon del gruppo Saint Gobain.

Scelta un aula priva di controsoffitti e quindi con il maggior riverbero all’interno, sono stati installati in pendinatura dei pannelli 120 x 120 cm di lana di vetro. Per garantire anche l’assorbimento delle onde a bassa frequenza, lungo il perimetro è stato inserito anche un ulteriore strato di lana di vetro. In aggiunta, sul muro di fronte alla cattedra è stato installato un pannello fonoassorbente sempre in lana di vetro di dimensioni 480 x 140 cm, questo per la chiarezza  discorsiva dei docenti verso gli allievi seduti davanti.

Il tutto dopo aver effettuato le analisi acustiche e le dovute simulazioni con i materiali a progetto. Le stesse analisi sono state poi fatte post messa in opera.

Questo lavoro di ottimizzazione è stato eseguito in soli due giorni lo scorso maggio, mente i ragazzi erano in gita scolastica.

Una delle insegnanti, la prof.ssa Barbara Rossi, che esegue le sue funzioni nell’aula in questione ha riportato: “ La criticità di quest’aula era molto forte in quanto il fatto che fosse priva di controsoffitto rendeva tutto più difficile. Sin dalle prime ore del mattino eravamo disturbati dallo  spostamento delle sedie del piano superiore e qui, per l’altezza dei muri, era veramente difficile farsi comprendere dai ragazzi. Quest’opera di miglioria ha tolto questo problema, ora resta da fare la stessa cosa nella sala mensa, ma dobbiamo posticipare in quanto a breve ci saranno dei cambiamenti. Invece di un grosso salone, i locali mensa diventeranno due più piccoli per due turni pasto, quindi provvederemo quando tutto sarà pronto e naturalmente ci saranno i fondi per farlo.“

Gloria Speranza

LASCIA UN COMMENTO