Home Hi-Tech Hi-Tech Genova

Liguria Wi-Fi 3.0: il progetto per diffondere la cultura digitale

1
CONDIVIDI
Liguria Wi-Fi 3.0: il progetto per diffondere la cultura digitale

GENOVA. 25 AGO. Internet gratuito distribuito in diversi punti strategici, per consentire alle famiglie di navigare – in caso di bisogno – semplicemente raggiungendo determinate zone. Questa è la sintesi del Progetto Liguria Wi-Fi 3.0 promosso dalla Regione nel computo delle strategie appartenenti al piano “Liguria Digitale”. I risultati sono stati strepitosi: in base ai dati raccolti, queste “zone franche” di connessione distribuite in circa 124 comuni hanno collezionato oltre un milione di connessioni gratuite e circa 860.000 utenti unici, con 122 milioni di megabyte scaricati da chi le ha utilizzate. E non è un caso che la Liguria possa vantare una delle reti di Wi-Fi gratuito più grandi in Italia: una mission dettata dalla volontà di abbattere il digital divide e di consentire ai cittadini liguri un accesso “democratico” al web, in mancanza di risorse proprie. E anche per facilitare la comunicazione digitale fra le amministrazioni pubbliche.

Internet: una risorsa per superare le barriere

Internet non è solo videogame e spensierata navigazione su Google, ma una vera e propria risorsa che consente l’accesso al più grande archivio di informazioni e di notizie di sempre: la rete. Chi non può raggiungere questo contenitore, o chi non lo può navigare degnamente, non può usufruire degli stessi diritti di chi invece può farlo. Questo è un problema noto come digital divide: una vera e propria barriera digitale informativa, che può essere ovviamente superata con una connessione di livello. Oggi attivare una connessione internet non è affatto un compito difficile e, in alcuni casi, nemmeno impegnativo: ad esempio, il provider Linkem propone abbonamenti Internet senza canone e senza linea telefonica, che assicurano una connessione stabile e veloce. In altri termini, si naviga a velocità ottime ma senza per questo legarsi ai costi derivanti dal telefono fisso.


Come superare il digital divide in Italia?

Risolvere il digital divide significa intervenire a monte, ovvero dotare l’Italia di un sistema di infrastrutture Internet in grado di coprire la maggior parte del territorio, ed in grado di consentire una navigazione rapida, affidabile e potente. Questo deve avvenire – e sta avvenendo – per merito dell’interesse delle compagnie private operanti nel settore, e per l’intervento (tardivo) del Governo, che dopo aver ricevuto un aut aut dall’Unione Europea ha finalmente deciso di investire pesantemente in questi progetti. Ovviamente il superamento del digital divide dipende anche dal grado di informazione dei cittadini: chi non si connette a Internet, infatti, perde il treno per accedere alle nuove stazioni dove risiede oggi la cultura mondiale. E lo stesso vale per le aziende ancora non digitalizzate.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here