Liguria alla riscossa: Toti vuol fare Rocky, ma finora vince solo 2 round

0
CONDIVIDI
I 7 assessori regionali con il presidente della giunta Giovanni Toti
I 7 assessori regionali con il presidente della giunta Giovanni Toti
I 7 assessori regionali con il presidente della giunta Giovanni Toti

GENOVA. 30 MAG. In sostanza, i round vinti finora appaiono solo Growth Act e Piano casa. Sgomitate e risatine, ma anche naso all’insù stamane a De Ferrari per guardare il promo all’americana su “Un anno di governo Toti”.

Al ritmo delle note della colonna sonora del film Rocky, dove Sylvester Stallone interpretava la riscossa dei poveri immigrati italiani a furia di vita dura, sacrifici e pugni sul ring, oggi il governatore della Liguria ha illustrato le cose che ha fatto con la sua squadra per i suoi concittadini.

Il video promozionale è stato proiettato sul maxi schermo della sala Trasparenza, ma forse Giovanni Toti avrebbe voluto utilizzare pure quello sulla facciata del palazzo della Regione.

 

Presenti 6 assessori della giunta di centrodestra  (Sonia Viale, Ilaria Cavo, Edoardo Rixi, Marco Scajola, Giacomo Giampedrone, Gianni Berrino). Assente giustificato Stefano Mai.

Al primo punto delle priorità è stata indicata la crescita, con il varo del Growth Act dell’assessore Edoardo Rixi, la riduzione della pressione fiscale con l’eliminazione dell’Irap per le nuove imprese, la semplificazione delle normative (per esempio la Carta d’esercizio al posto del Durc). Non meno rilevante, è la nuova legge contro l’abusivismo commerciale.

Poi, la riorganizzazione della macchina burocratica regionale, la spending review e l’importantissimo Piano casa dell’assessore Marco Scajola, che ha suscitato polemiche da parte degli ultrà ambientalisti, ma rappresenta senz’altro un volano per la ripresa ecocompatibile del settore edilizio: “Tranquilli, non si tratta per nulla di cementificazione selvaggia perché tutto rimane più regolamentato e controllato dal punto di vista ambientale. Il Piano casa non consente scempi, né ecomostri”.

Se Genova e la Liguria hanno vinto questi primi due impegnativi round, per guadagnare il match e presentarsi con successo sul ring delle prossime elezioni politiche, il pupillo di Berlusconi deve darsi ancora da fare e combattere parecchio. In ogni caso, molti genovesi sperano che Toti non arrivi al 15esimo round suonato come il sindaco Doria. Fabrizio Graffione

 

LASCIA UN COMMENTO