Home Cronaca Cronaca Genova

Libertà espressione, corteo poliziotti in autostrada: in bici, come risorse Boldrini

25
CONDIVIDI
Migrante in bici in autostrada filmato dai poliziotti

GENOVA. 23 LUG. “Purtroppo episodi come quello che ha portato alla sospensione dal servizio del poliziotto sull’autostrada Torino – Bardonecchia non sono cosi rari. Avviene spesso che immigrati abbandonati a loro stessi, senza la minima conoscenza delle regole italiane, circolino dove non potrebbero, non solo mettendo a repentaglio la loro incolumità, ma anche quella di coloro che percorrono le nostre strade ed autostrade. La Liguria, soprattutto nella zona di Ventimiglia, non è esente da questo tipo di situazioni che sono l’ordinarietà”.

Matteo Bianchi, Segretario Generale Regionale del Coisp Liguria, Sindacato Indipendente di Polizia, ieri ha commentato così quanto avvenuto in Piemonte, in merito al video apparso sui social inerenti il poliziotto sospeso perché durante il suo turno di servizio documentava con il telefonino la pedalata di uno dei non pochi migranti che transitano spesso a piedi od in bicicletta sulle nostre autostrade.

“A nostro avviso – ha aggiunto Bianchi – si tratta solo dell’ultimo esempio di quanto succede spesso sul nostro territorio. Nonostante l’utilizzo comune dei social da parte di tutti, è ingiusto che chi indossa una divisa non possa esprimere liberamente la propria opinione e quando lo fa venga severamente punito quasi che si debba avere paura di parlare in un Paese libero.


Per dire basta a questo clima surreale che si è creato in Italia, stiamo valutando di organizzare una pedalata in autostrada, alla quale già da oggi invitiamo Salvini, Santanchè e chiunque altro abbia espresso solidarietà al collega, a nostro modesto avviso punito ingiustamente, una pedalata a favore della libertà di espressione delle donne ed uomini in divisa.

Non condividiamo la decisione della sospensione del collega, anche se capiamo che le parole del video potrebbero aver leso la sensibilità di qualcuno, ma nello stesso tempo vogliamo fortemente rimarcare che questo è esclusivamente il frutto dell’esasperazione di una categoria mai tutelata, anzi troppo spesso utilizzata per sopperire alle carenze della politica nazionale incapace di garantire una cultura della sicurezza a 360°, una classe politica che frequentemente con le sue decisioni ha penalizzato le donne e gli uomini in divisa.

Queste sono le conseguenze del fatto che le nostre istanze rimangono quasi sempre disattese. Un esempio su tutti. Non comprendiamo perché non ci vengano erogati nei tempi congrui le indennità spettanti, come quella specifica di coloro che operano in ambito autostradale, che andrebbero a rendere più dignitosi gli stipendi dei poliziotti e che invece vengono pagati anche dopo 2 anni (!!). Vogliamo infatti denunciare la gravità di quanto avviene con la più totale indifferenza delle Istituzioni: dal personale della Polizia di Stato si pretende una precisione maniacale mentre dal Ministero dell’Interno, l’ente dal quale dipendono i poliziotti, possono infischiarsene  liberamente delle regole”.

 

25 COMMENTI

  1. Spero li sospendano tutti come hanno il corpo della Polizia ha giustamente fatto con il poliziotto autore del video. Massima solidarieta’ alle forze dell’ordine per il loro lavoro rischioso, difficile e mal pagato (ho l’onore di averne anche in famiglia) ma il poliziotto in questione ha responsabilita’ a mio parere evidenti “gente di merda” e’ espressione razzista, “risorse della Boldrini” oltre ad essere espressione del tutto fuori luogo e imbarazzante per l’intrlligenza e’ offensiva nei confronti della terza carica dello Stato, in considerazione della presenza di una piazzola avrebbero dovuto fermare il ciclista, continuando a bassissima velocita’ hanno aumentato il rischio di incidenti, non si gira e posta un video invece di intervenire in servizio

    • A me sembra da quanto dicono da sempre la classe politica di sinistra, che l Italia sia un paese democratico con libertà di parola e quindi come mai quando si parla di magistratura rossa, coop, centri sociali e sindacati il diritto di parola venga giudicato diffamatori e razzista, massima solidarietà a chiunque contesti questo governo stalinista e dittatoriale.

    • I poliziotti non possono avere un opinione? E poi lui non l’ha mica messo su youtube, in pratica qualcuno si è preso la briga di postarlo e certamente non gli l’hanno chiesto. Comunque, per la cronaca, non sono certo l’unico che la pensa come lui in Italia, fattene una ragione.

    • Ovvio che possano avere un’opinione. Ho avuto l’onore di conoscere e collaborare con persone che hanno contribuito ai processi di sindacalizzazione e democratizzazione delle forze di polizia. Sul fatto che abbiano pubblicato il video “alla Scajola” (“a sua insaputa”) beh, che dire di un poliziotto che invece di intervenire bloccando il pericolo alla prima piazzola utile (superata, si vede nel video) diminuendo il pericolo si perita di riprendere e commentare con frasi razziste, destituite di ogni fondamento e irriguardose nei confronti delle istituzioni e poi si fa sottrarre il video che verrebbe pubblicato contro la propria volonta’? Non sara’ un caso se e’ stato sospeso dalle autorita’ di polizia a cui va tutto il mio plauso. E’ la democrazia costituzionale e non va confusa col populismo e il tifo da stadio. Io me ne farei una ragione 😉

    • Mi scusi eh…in che modo il poliziotto avrebbe offeso la Boldrini? Sbaglio o ha detto “risorse della Boldrini”? Dove sarebbe l’offesa? È lei stessa a definirli così,no? Le forze dell’ordine sono persone,cittadini come noi e tutti noi siamo pesantemente offesi ogni santo giorno, con atti, leggi e boicottaggio del diritto più fondamentale della nostra Costituzione: la libertà di pensiero e parola (in questo caso è un pensiero che abbiamo tutti in testa,ma in molti lo nascondono).

  2. Per me “l’estremismo e la “grettezza” è comunque da condannare. La gestione dei problemi non si fa né con l’esibizionismo né con l’esternazione delle frustrazioni. Ovvio che il mio è un post che potrebbe peccare di superficialità ma, il poliziotto se ha avuto questo comportamento non ha le caratteristiche per ricoprire quel ruolo. Il ciclista ha ovviamente sbagliato e deve essere sanzionato ma ricordo che anche un noto politico ligure ha imboccato l’ autostrada contromano entrando dallo svincolo sbagliato e nessuno lo ha radiato dalla politica né l’evento ha creato tante polemiche.

  3. I reali pericoli per i cittadini sono i migranti a piedi o in bicicletta in autostrada, non certo un poliziotto che li filma, documentando l’illecito e il caos dell’immigrazione senza regole, lasciandosi scappare l’innocua ancorché riprovevole, nei confronti di chiunque, espressione “gente di m….”. Pertanto, lo Stato non dovrebbe avere il pugno di ferro nei confronti di taluni e di altri no perché le regole dovrebbero essere uguali e rispettate da tutti. In altre parole, non si tratta di razzismo, ma dell’ingiustizia che vige attualmente nel nostro Paese. Chi chiede e vuole legalità, infatti, non è razzista.

    • E un uomo dello stato, le sue dichiarazioni e il suo comportamento offendono altri uomini dello stato che fanno.scrupolosamente il loro lavoro, nonché offende con frasi razziste un “essere umano”. Non contento pubblica frasi offensive nei.riguardi del presidente della camera… a un ” uomo ” dello stato non.e concesso. Bene hanno.fatto a prendere provvedimenti disciplinari e può ritenersi fortunato se non ci saranno provvedimenti giustamente più severi. Chiaro?!.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here