Home Politica Politica Savona

LETTERA ALLA REDAZIONE DEL MEETUP GRILLO DELLE ALBISSOLE SULL’AURELIA BIS

0
CONDIVIDI
aurelia-bis-meetup

aurelia-bis-meetup aurelia-bis-meetupSAVONA. 16 AGO. Riceviamo e pubblichiamo lettera aperta del Meetup Amici di Beppe Grillo delle Albissole dal titolo “Aurelia Bis: Ma i nostri Amministratori, hanno a cuore la salute ed il benessere dei cittadini?”.

“Se si domanda a qualsiasi utente, turista o residente, che deve spostarsi per lavoro o altro, se l’Aurelia bis serve, la risposta è: sicuramente sì!

Non ha senso che per percorrere qualche km ogni giorno una persona debba stare anche un’ ora in coda, senza nessuna alternativa se non altri ingorghi o strade dissestate.


Chiunque sarebbe d’accordo su un’alternativa veloce, che evitasse i centri abitati, facilmente raggiungibile, realizzata per intero, cosi come prevedeva  il progetto originario Aurelia bis, di collegamento tra Varazze e Savona.

Ma in Italia, a prevalere non è quasi mai il buon senso, la trasparenza, il rispetto dei cittadini e del territorio.

Si prende un’idea buona, sicuramente non l’unica, e la si trasforma in un banchetto per i soliti noti, concretizzandola in un’opera cosi come è ora, inutile e dal costo di svariati milioni a spese della collettività.

Questo è quello che è avvenuto e sta continuando ad avvenire nel cantiere Aurelia Bis, di cui resta solo il nome, visto che collegherà solo Albisola Superiore a Savona, passando per Albissola Marina.

Da quando sono partiti i cantieri nelle varie zone, da circa un anno, sono stati segnalati vari tipi di problemi, dai cittadini direttamente coinvolti nelle opere e da tutti i comitati presenti sui territori interessati. Ma le amministrazioni comunali coinvolte, non hanno ancora assunto una posizione decisa a tutela dei cittadini e del territorio; nemmeno davanti a dati relativi alla salute, come l’ accertato livello di amianto ai limiti del rischio alto (900 su 1000 p.p.) in zona Basci, alle numerose segnalazioni di disagio e pericolo sui cantieri per l’ inquinamento da polveri e alle altrettanto numerose segnalazioni di pericolo sulle strade che utilizzano i camion dei cantieri.

E dire che i Sindaci sono anche responsabili della salute dei propri residenti….

E comunque, i Comuni coinvolti avrebbero sicuramente potuto, nelle fasi progettuali dell’opera, affrontare tutti i problemi che si sono successivamente presentati e avrebbero avuto la possibilità di ottenere maggiori garanzie dagli enti interessati sulle varie costruzioni.

In questo modo si sarebbero forse accorti che l’Area 3 non era un pallino rosso su un foglio ma un tratto dove sarebbe stato costruito un viadotto a qualche metro da un condominio ed una galleria qualche metro sotto ad un altro condominio…

Allo scopo di tutelare la salute dei cittadini, diritto sancito dalla nostra Costituzione, all’ art.32 , il Meetup Amici di Beppe Grillo delle Albissole, chiede ai Sindaci, in quanto  responsabili del territorio da loro amministrato, il  rispetto delle normative vigenti per quanto riguarda: l’inquinamento acustico, l’inquinamento da polveri, le prescrizioni V.I.A. (Valutazione Impatto Ambientale), le condizioni di trasparenza afferenti la gestione ed il trattamento del materiale di risulta degli scavi, il trasporto del materiale di scavo su camion (obbligo di copertura degli stessi), il lavaggio dei mezzi di trasporto in cantiere ed il lavaggio delle strade.

Forse tutto ciò si sarebbe potuto evitare con una sana, competente e morale condotta politica da parte di tutte le figure pubbliche coinvolte, con una corretta informazione alla cittadinanza interessata, con alla base di tutto il principio di dare un miglior servizio ai contribuenti e non solo ai conti correnti degli aggiudicatari delle opere…”. Meetup Amici di Beppe Grillo delle Albissole

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here