LETTERA APERTA DI ROSSI E ROSSO SUI FATTI DI IERI A SAMPIERDARENA

1
CONDIVIDI
lettera aperta piazza-settembrini-sampierdarena

lettera aperta piazza-settembrini-sampierdarenaGENOVA. 19 LUG. Riceviamo e pubblichiamo lettera aperta a firma Davide Rossi,
capogruppo Lega Nord Municipio Centro Ovest e Matteo Rosso, capogruppo Fdi Regione Liguria in merito ai fatti accaduti ieri sera durante un concorso di bellezza in piazza Settembrini a Genova Sampierdarena.

Esprimiamo massima solidarietà al giovane aggredito ieri da un balordo al termine del concorso di bellezza Miss Genova Giovane svoltosi nella serata di Sabato in Piazza Settembrini a Genova Sampierdarena, che ha mobilitato oltre 300 persone ‘normali’, per gustare uno spettacolo che oltre al concorso di bellezza in se, legato a Miss Reginetta d’ Italia, ha visto tre momenti canori e uno di magia, che evidenziano lo scopo nobile attraverso eventi importanti e gradevoli di far uscire la gente alla sera con lo scopo di mettere all’ angolo degrado, paura e insicurezza, scopo delle attività commerciali di Piazza Settembrini, delle associazioni organizzatrici e promotrici che hanno vinto il bando coloriamo Sampierdarena, dove nella volontà della civica amministrazione attraverso la creazione di eventi si cerca di arginare la deriva e il degrado in cui versa il quartiere.
Molti cittadini ci fanno notare al di la dell’ evento molto bello per livello e qualità, la pecca di un servizio d’ ordine non adeguato a un evento di tale portata al quale oltre che 14 aspiranti modelle, vedeva una giuria di assoluto livello, fatta di imprenditori, giornalisti tv locali e di riviste nazionali, che con l’ episodio di violenza accaduto a fine concorso non ci fanno fare una bellissima figura come città di Genova ne tanto meno come quartiere di Sampierdarena.
Ci risulta che per l’ evento in questione la civica amministrazione e il municipio fossero informati della necessità di avere un servizio d’ ordine che non si limitasse a un solo membro valido, ma sempre uno era dell’ Associazione Nazionale Carabinieri, richiesta esplicitata fortemente anche per i quotidiani pestaggi diurni e serali che da un anno a questa parte Piazza Settembrini è protagonista a suo malgrado, come i titolari delle attività commerciali ci hanno detto sta mattina, riferendoci che il Municipio e il Comune sono a conoscenza da troppi mesi del fatto che diversi balordi hanno occupato la piazza h 24, ci si drogano, si ubriacano, fanno i bisogni contro le serrande dei negozi, maltrattano i propri cani, si picchiano in ogni fascia oraria e minacciano i passanti, tutti lo sanno, dal Municipio, al Comune, a chi comanda le Forze dell’ Ordine, ma questi continuano a frequentare tale piazza indisturbati e a piede libero! Vorremmo capire se vi è da parte di tutti la volontà di pulire e bonificare questo luogo che appartiene alle persone per bene, vorremmo capire perché alle richieste di buon senso da parte dell’ associazione Amici di Piazza Settembrini, che pretendono di installare una cancellata ai due lati della Piazza trasformando quello che sarebbe un bellissimo bistrot alla parigina in un giardino urbano con orari chiari di apertura e chiusura al pubblico, in modo tale che i bambini e gli anziani possano fruire di una piazza pulita, decorosa e commercialmente attrattiva, cancellate per le quali erano favorevoli l’ ex Sindaco Vincenzi, l’ attuale Presidente del Municipio Marenco, lo ha detto lui stesso in un assemblea pubblica di pochi mesi alla quale erano pure presenti gli Assessori Fiorini e il Vice Sindaco Bernini verso la quale si erano ripromessi di attivarsi.
Non molleremo la presa sulle richieste che gli abitanti di Sampierdarena pretendono, rinnovando la solidarietà al ragazzo aggredito questa notte, pretendiamo un cambio di rotta da parte di tutti, a partire da un Sindaco che farebbe meglio a non scappare dai problemi ma se è in grado di affrontarli da un punto di vista repressivo, altrimenti a dimettersi per manifesta incapacità come il fatto di sta notte testimonia”.

1 COMMENTO

  1. Io vorrei, se permettete, ritornare un momento sul grave stupro del Campasso ai danni della 23enne, studentessa Genovese –
    E’ Vergognoso che nella Ns Città, avvengano cose di questa gravità –
    Serve che le istituzioni tutte, si facciano presenti e sopratutto sentire in modo forte e deciso : qui ci vule
    la galera e di lunga durata, se i delinquenti risultano stranieri, invio ai loro paesi e di massa –
    Chi non lavora, come può vivere ?

    Istituzioni, dovete tutelare, proteggere la popolazione da atti delinquenziali, da queste tristi e pietose storie, ormai con frequenza quotidiana –

LASCIA UN COMMENTO