LETTERA ALLA REDAZIONE SULL’ ASTENSIONISMO ELETTORALE

0
CONDIVIDI
astensionismo-elettorale

astensionismo-elettoraleGENOVA. 1 GIU. Riceviamo e pubblichiamo lettera giunta alla redazione in merito all’ elevato astensionismo in merito alle votazioni che si sono svolte domenica.

“Astensionismo vince ancora : arriva al 46,10% ed,in qualche regione e comune.diviene pure maggioranza.
Questo il dato incontrovertibile, il resto sono solo opinioni… piú o meno condivisibili da chi si voglia soffermare sull’ampiezza del fenomeno non-voto per cercare di informarsi meglio o di capirne motivazioni e prospettive.
Le istituzioni, i partiti con i loro leader e tutto il codazzo dei principali media che sostengono la partitocrazia imperante, i sociologi ed esperti vari che stiamo vedendo in tv ed ascoltando in radio… glissano sull’astensione e tirano dritto.
Peraltro, secondo il loro (e dei tanti che, votando, condividono) ragionamento contano soltanto i voti espressi e gli eletti…il resto mancia !!
Da qui, governando loro ed avendo chi conta in mano la stampa e le radiotelevisioni nazionali, sembra quasi che tutto sia “normale”.
“Ho vinto io, ha perso lui”… e viceversa,”Renzi vince” (forse no), “Salvini trionfa”, “Grillo risorge”, “Berlusconi fa il miracolo”… bla,bla,bla…
Io, assertore convinto dell’astensionismo, li vedo, sento e leggo come appartenenti ad un altro pianeta….degli alieni che sono sulla Terra per sfruttarci e levarci il sangue…, dei vampiri-magnaccia che ci prendono in giro con paroloni roboanti e promesse mai mantenute.
Tutti, senza eccezioni, dal primo all’ultimo: chiunque partecipi, vincendo o perdendo, fa parte del “sistema” partitocratico, quello che ci sta affossando ed affamando sempre più.
Sono pazzo ? Non credo proprio!!
Se già praticamente non vota quasi la metà (e spesso più) del corpo elettorale un motivo ci sarà pure, no ?
Non presumo che ciò avvenga per le stesse mie motivazioni e percezioni, ma avviene… è incontestabile.
È proprio in questa massa sempre crescente di italiani insoddisfatti del sistema partitocratico ed in cerca od attesa di nuove forme di aggregazione che si annida la speranza di un cambiamento.
Come, dove…quando?
Non lo so, ma la storia insegna che proprio tra le masse insoddisfatte si realizzano nuove possibilità di rovesciare poteri costituiti non rappresentativi della volontà popolare.
Per questo affido la mia analisi più che altro alle libere testate presenti su internet, quelle pluraliste e che non hanno “padroni”.
Le stesse che, ne condividano o meno il contenuto, ritengano giusto dar voce ad uno della (quasi) metà di italiani che non ci cascano più!! Grazie per l’attenzione”. Vincenzo Mannello

LASCIA UN COMMENTO