L’etoile Svetlana Zakharova sbarca a Genova col suo Amore

0
CONDIVIDI
L’etoile Svetlana Zakharova sbarca a Genova col suo Amore
L’etoile Svetlana Zakharova sbarca a Genova col suo Amore
L’etoile Svetlana Zakharova sbarca a Genova col suo Amore

GENOVA. 29 GIU. E’ indubbiamente lo spettacolo di punta del festival Genova Outsider Dancer quello di Domenica 3 luglio alle ore 20.30 al Teatro Carlo Felice, che vede protagonista assoluta l’etoile internazionale Svetlana Zakharova, una delle più grandi danzatrici viventi, ammirata per la perfezione tecnica e l’eleganza assoluta del suo stile.

Avvicinata agli studi della danza da sua madre, nel 1995, dopo aver terminato i sei anni di corso alla Scuola di Kiev, vince il secondo premio al Concorso Internazionale per giovani ballerini di San Pietroburgo che la fa ammettere direttamente all’ultimo corso della prestigiosa Accademia di Ballo Vaganova di San Pietroburgo. Diplomatasi un anno dopo entra a far parte del Balletto del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, dove solo un anno dopo è promossa prima ballerina. Dal 1997 al 2003, all’interno del Mariinskij, Svetlana danza la maggior parte dei ruoli principali del repertorio della compagnia, spaziando dai balletti classici ottocenteschi ai lavori moderni dell’ultimo Novecento.

La Zakharova è senza ombra di dubbio una delle migliori interpreti del Lago dei cigni della storia della danza,ma il cigno non è il solo ruolo in cui eccelle, anzi, nel 1999 riceve il premio Golden Mask come migliore interpretazione femminile per Serenade di George Balanchine e nel 2000 per la sua interpretazione di Aurora ne La bella addormentata.

 

La ballerina che ama essere considerata russa, ma di origine ucraina, è oggi la più richiesta al mondo, dal 2007 è anche prima ballerina étoile del Corpo di Ballo del teatro alla Scala di Milano.

Al Carlo Felice porta il suo spettacolo intitolato “Amore” che comprende tre balletti di coreografi contemporanei: il primo, Francesca da Rimini, sulle musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij, creato nel 2012 per il San Francisco Ballet da Yuri Possokhov, coreografo  incline alle storie drammatiche e romantiche. Sul palco, accanto a Svetlana, ci saranno Michail Lobukhin e Denis Rodkin, entrambi solisti del Balletto Bol’šoj di Mosca.

Seguirà Rain before it Falls, coreografia creata nel 2014 da Patrick De Bana appositamente per la Zakharova su musiche di Georg Friedrich Händel, Ottorino Respighi e Carlos Pino-Quintana; De Bana, danzatore e coreografo tedesco considerato tra i più interessanti del panorama contemporaneo, in questa occasione si presenterà nel doppio ruolo di autore e co-interprete.

Infine, Strokes Through the Tail, creato nel 2005 per la Hubbard Street Dance Company di Chicago da Marguerite Donlon, una coreografia che trova ispirazione nella Sinfonia n. 40 di Wolfgang Amadeus Mozart e nella quale i danzatori incarnano la struttura di tale notazione rivelando tutto il genio e l’umorismo del grande compositore.

La biglietteria del Carlo Felice comunica che ci sono ancora posti disponibili per la serata del 3 luglio.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO