Home Cronaca Cronaca Genova

Leghisti aggrediti da squadristi rossi, condannati 9 antagonisti

3
CONDIVIDI
Squadristi anarchici schierati: condannati 9 antagonisti per l'aggressione del 2012 a dei pacifici leghisti

GENOVA. 13 SET. Squadrismo rosso. Il Tribunale di Genova oggi ha condannato, a vario titolo, 9 degli 11 antagonisti individuati dalla Digos per l’aggressione del 2 dicembre 2012 in danno di un gruppetto di giovani padani, cui erano stati rubati anche uno striscione e degli occhiali.

La “spedizione punitiva” dei giovani genovesi che ruotano intorno all’area anarchica e dei centri sociali, era avvenuta in una trattoria vicino al Porto Antico, dove i coetanei leghisti liguri erano andati a pranzo dopo la convention al Marina NH Hotel con Bobo Maroni: “Avevamo ripiegato le bandiere, eravamo tranquilli e non mostravamo alcun simbolo del Carroccio. Noi eravamo una mezza dozzina. Loro una ventina. Nessuna nostra provocazione, fu un agguato”.

Fra i giovani antagonisti coinvolti, c’è anche il figlio del consigliere comunale Antonio Bruno (Federazione della Sinistra) che all’epoca si era già scusato per l’accaduto.

Giacomo Bruno è stato condannato a 2 anni e 10 mesi di reclusione. Stessa pena per Alessandro Roncabattista.

Davide Arru, Stefano Marchelli, Enrico Cardo, Riccardo Lupano, Mattia Maglio e Christian Torre sono stati condannati a 1 anno e 8 mesi di reclusione.

Roberto Galdi è stato condannato a 11 mesi e 10 giorni di reclusione.

Gli antagonisti dovranno anche risarcire i giovani padani, che si sono costituiti come parte civile.

I giudici genovesi hanno assolto da tutti i reati Luca Piazza e Fabrizio Ripoli.

 

3 COMMENTI

  1. Tranquille zecche rosse di invidia e di rabbia, sappiamo chi e dove siete.. aspettatevi presto un tir pieno della vostra migliore essenza, quella che il vostro compagno toscano ha già assaggiato…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here