Lega: su Piano casa opposizione illogica

0
CONDIVIDI
Il capogruppo regionale della Lega Nord Alessandro Piana
Il capogruppo regionale della Lega Nord Alessandro Piana
Il capogruppo regionale della Lega Nord Alessandro Piana

GENOVA. 16 DIC. Dopo la fumata nera di ieri notte sul Piano casa, che dovrebbe essere approvato domani in consiglio regionale, il capogruppo della Lega Nord Alessandro Piana oggi ha attaccato duramente la minoranza, accusandola di aver tenuto un “comportamento illogico e irresponsabile”.

«Condanniamo fermamente – ha detto Piana – questo atteggiamento ostruzionistico da parte delle opposizioni, che pur avendo avuto molto tempo nelle scorse settimane per portare gli emendamenti in commissione, ricordo che l’iter sul Piano Casa  è stato complesso e articolato, hanno preferito arrivare nell’aula consiliare con 180 emendamenti complessivi. Come se non bastasse tutti i  consiglieri di minoranza sono intervenuti su ogni emendamento ripetendo gli stessi concetti, proprio per mettere in atto una strategia ostruzionistica che sinceramente ha rasentato un atteggiamento infantile e per nulla costruttivo».

«Procrastinare – ha aggiunto Piana – tutta una serie di delibere importanti e licenziare documenti vitali per l’economia e il lavoro della regione come può essere il Piano Casa o la Growth Act , porta di fatto nel lungo termine, a creare un blocco all’iter dei lavori in tutta la Regione. Abbiamo il dovere di portare avanti la nostra azione politica perché abbiamo ricevuto mandato dai cittadini e proprio per mantenere le promesse fatte, d’ora in avanti, per quanto mi riguarda, con alcuni soggetti delle minoranze credo non ci siano più margini di trattativa dialettica. Paita & Company con il loro atteggiamento impediscono di fare delle riforme senza proporre delle alternative. Il Piano casa è un documento condiviso, sul quale abbiamo lavorato alacremente tutti, al quale anche la Lega   Nord ha  contribuito, in maniera fattiva, a portarlo a termine così come il Growth Act, altro documento importante che deve essere approvato entro fine anno».

LASCIA UN COMMENTO