Lega Pro: Savona-Pisa 2-0, Giornata di Gloria al Bacigalupo

0
CONDIVIDI
Lo stadio del Savona Bacigalupo
Lo stadio del Savona Bacigalupo
Lo stadio del Savona Bacigalupo

SAVONA 1 NOV. Grande vittoria per il Savona che schianta il Pisa di Mister Gattuso e trova un’ importante vittoria.

Mister Riolfo deve rinunciare in ultimo anche a Costantini (problemi muscolari); c’è Lomolino per la fascia sinistra della difesa. Antonelli, premiato prima dell’inizio match dal Savona Club Gazzano per le cento presenze in campionato con la maglia biancoblù, giocherà a destra.

Fra i neroazzurri di “Ringhio” Gattuso, assente il centravanti Cani, c’è l’ex Frugoli al centro dell’attacco.

 

Il Savona inizia contro vento, ma con buona personalità, cercando di far gioco. Succede poco fino al 16′, quano Mannini (un passato in serie A) scarica un bolide da fuori area che scalda i guanti a Falcone, bravo a respingere.

Al 30′ “Bacigalupo” in delirio: delizioso lancio di Cabeccia per Virdis, colpo di testa salvato miracolosamente da Bacci, che nulla può sulla successiva conclusione del bomber di Ozieri. Savona in vantaggio.

Sulle ali dell’entusiasmo il Savona  ancora pericoloso al 35′ punizione sul primo palo di Gagliardi, Bacci non trattiene, Cocuzza rimette pericolosamente al centro ma un difensore neroazzurro respinge quasi sulla linea di porta

Senza minuti di recupero termina un primo tempo di grande spessore del Savona Fbc, meritatamente in vantaggio.

La ripresa inizia con una gran parata di istinto al 3′ di Falcone su conclusione ravvicinata di Varela.

Scampato il pericolo, il Savona continua a giocare con grande personalità. Al 14′ Gagliardi si conquista una punizione a pochi metri dal vertice dell’area di rigore, defilato sulla destra. Alla conclusione va Cocuzza, sinistro sul primo palo leggermente deviato e Bacci è nuovamente battuto: 2-0. Scrosciano gli applausi.

Ci si aspetta la reazione del Pisa, ma il Savona continua a pressare alto con grande personalità e senza subire pericoli. Al 44′ mister Riolfo fa esordire in Lega Pro Clematis, classe ’96, prodotto dei vivaio. Una grandissima soddisfazione per il settore giovanile e per tutta la società biancoblù.

Finisce in standing ovation. Tutto il pubblico è in piedi ad applaudire. Una prestazione maiuscola della squadra.

 

LASCIA UN COMMENTO