Lega Pro: Savona-L’Aquila 1-2, Sconfitta Beffa al Bacigalupo

0
CONDIVIDI
Lo Stemma del Savona Calcio
Lo Stemma del Savona Calcio
Lo Stemma del Savona Calcio

SAVONA 20 FEB. Scontro diretto sulla via della salvezza per il Savona Fbc. Al “Bacigalupo” arriva il L’Aquila, che in classifica ha sette punti più dei biancoblù.

Mister Riolfo recupera in difesa Cabeccia, dopo la giornata di squalifica. Manca ancora l’infortunato Lebran e gioca Negro. A centrocampo, prima da titolare per Bationo: Pasqualini, acciaccato, è in panchina. In attacco Virdis, ex di turno, è regolarmente al suo posto. Nel L’ Aquila non c’ è l’altro ex, Maccarrone, infortunato; è titolare invece Cosentini, che l’anno passato in biancoblù non ha avuto grossa fortuna. Il tecnico Perrone non può disporre neanche di De Francesco e vara una formazione molto offensiva schierando contemporaneamente Perna, De Sousa, Triarico e il bomber Sandomenico.

Inizio match bellissimo. Al 7′ Piva supera tutti sulla fascia sinistra e mette al centro un traversone invitante che Sandomenico devia sul palo, col pallone che arriva poi lemme lemme fra le braccia di Falcone. Passa un solo minuto e Palumbo impegna Scotti con un gran tiro dai venti metri: l’estremo abruzzese devia in angolo con la punta delle dita. E dopo un ulteriore giro di orologio, lancio illuminante di Palumbo per Virdis e deviazione volante del bomber di Ozieri con sfera fuori di un soffio.

 

Al 12′ il L’ Aquila va in vantaggio. Palla in profondità per Sandomenico, che è bravo a superare Rondanini in dribbling e a battere Falcone con un bel diagonale.

Il Savona reagisce subito: al 14′ percussione centrale di Palumbo e conclusione di sinistro dai venti metri che si stampa sull’incrocio dei pali. Non è finita: al 17′ lo stesso Palumbo calcia a giro sul secondo palo appena fuori il limite dell’area: Scotti devia in corner con la punta delle dita. Ancora: al 19′ Lulli mette al centro un pallone invitantissimo, Cocuzza in scivolata manca di un soffio la deviazione vincente.

Palumbo è ispiratissimo: al 23′ si libera ancora fra le linee e va alla conclusione, Scotti respinge a fatica, Vannucci rimette al centro, ma la difesa del L’ Aquila si salva, seppur con affanno.

Il Savona continua ad attaccare. Ancora una clamorosa palla gol al 43′: punizione di Virdis, Scotti respinge coi pugni, Cabeccia al volo calcia fuori. E nel minuto di recupero Cocuzza si libera caparbiamente in area e tira sul primo palo, Scotti si salva ancora in corner.

Finisce col Savona in svantaggio un primo tempo molto bello e combattuto. I biancoblù avrebbero meritato il pareggio.

Inizia la ripresa ed è subito 1-1: Vannucci anticipa l’uomo, scatta sulla sinistra, converge al centro e fa partire un destro rasoterra che si insacca sul secondo palo: bel gol!

Il pari dura poco. Al 5′ Sandomenico si libera sulla sinistra e tira, Falcone respinge come può, De Sousa anticipa tutti e mette in rete. Tutto da rifare.

Ci prova subito Palumbo: punizione da 25 metri, la palla finisce fuoti di un soffio dopo aver accarezzato la parte alta della traversa.

Al 15′ mischia in area abruzzese dopo un tocco di Virdis al centro, Scotti respinge a fatica ma nessun biancoblù è rapido a metterla dentro.

Riolfo gioca anche la carta Dell’ Agnello: esce Bationo (buon esordio) e si passa al 4-2-3-1.

Il gioco è spezzettato: si perde tantissimo tempo per un infortunio a Perna prima e a Pesoli poi. Ma entrambi riprendono il loro posto in campo.

Si arriva al 35′: conclusione giro sul secondo palo di Cocuzza, palla fuori di un soffio. Non c’è fortuna per i biancoblù: al 37′ Dell’ Agnello si avventa su una palla vagante e calcia con forza: palla in pieno sulla traversa, con Virdis che non riesce a ribadirla in rete.

Al secondo dei nove minuti di recupero Riolfo getta nella mischia anche il quarto attaccante Morra.

Le speranze del Savona si spengono all’ultimo minuto di recupero fatto giocare dall’arbitro, l’ottavo: Cabeccia devia una punizione di Taddei, ma Scotti blocca.

Il Savona avrebbe meritato sicuramente miglior sorte ed esce comunque fra gli applausi dei tifosi.

LASCIA UN COMMENTO