Lega Pro: Savona-Ancona 1-2, Debacle al Bacigalupo

0
CONDIVIDI
Lo stadio del Savona Bacigalupo
Lo stadio del Savona Bacigalupo
Lo stadio del Savona Bacigalupo

SAVONA 6 MAR.  Savona-Ancona inizia, come tutti i match di Lega Pro programmati nella giornata odierna, con cinque minuti di ritardo. Questo il comunicato della Lega: “La Lega Pro e i suoi club condannano ogni episodio di violenza. Manifestando piena solidarietà e vicinanza al Foggia Calcio, Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro ha disposto che le gare in programma oggi e domani abbiano inizio cinque minuti più tardi”.

Nel match, posticipato di 24 ore per il maltempo abbattutosi ieri su Savona, mister Riolfo ritrova Vannucci e Rondanini, non Virdis, out assieme a Carta. Nell’ Ancona fuori Mallus, Di Dio e Lombardi. Konate solo in panchina per l’influenza che lo ha debilitato in settimana.

Dopo un inizio molto guardingo, il Savona cresce e va al tiro con Cocuzza al 19′: Lori devia con difficoltà in corner. Dalla bandierina calcia Taddei, Rondanini incorna, ma troppo centrale.

 

Alla prima occasione, invece, l’ Ancona va in gol. Al 22′ Pedrelli si libera sulla sinistra e mette al centro, Cognini stoppa e tira, Falcone riesce solo a toccare il pallone che si infila in fondo alla rete

La reazione del Savona è in un tiro dai venti metri di Palumbo al 28′, alto sulla traversa. Poi è solo Ancona, che sfiora il raddoppio prima con un gran destro di Hamlili al 38′, deviato da Falcone sul palo e quindi in corner, poi con Cognigni al 41′, che si libera bene di Lebran e conclude da solo nel pieno del cuore dell’area: Falcone è ancora bravissimo a respingere, Libertazzi raccoglie e calcia alto.

Sul finire del tempo di rivede il Savona: da Cocuzza a Vannucci, salito nel frattempo sulla linea dei centrocampisti. Dribbling e tiro incrociato sul secondo palo, Lori si distende e devia in corner.

Dopo due minuti di recupero si chiude il primo tempo.

La ripresa si apre con una bella percussione centrale di Palumbo, che si libera bene e va al tiro, fuori di poco. E al 9′ Vannucci mette al centro, Morra anticipa tutti di testa, ma la conclusione è centrale.

E’ assedio biancoblù, con Riolfo che manda in campo anche Dell’ Agnello. Al 15′ Vannucci si libera bene al tiro: palo pieno. Sulla respinta Morra e Cocuzza si ostacolano, Cabeccia segna col guardalinee che segnala però il fuorigioco.

Il Savona continua a creare, ma non concretizza: al 21′ colpo di testa di Palumbo da buona posizione, alto di un soffio.

La pressione del Savona viene premiata al 25′: verticalizzazione di Palumbo per Dell’ Agnello, diagonale e gol sul secondo palo.

La gioia biancoblù dura poco: due minuti dopo Cognigni stoppa nel cuore dell’area e realizza a tu per tu con Falcone.

Non c’è pace per i biancoblù: al 38′ calcio di rigore per un netto fallo di Di Ceglie su Palumbo. Sul dischetto va lo stesso numero dieci che si lascia ipnotizzare da Lori, bravo a distendersi sulla sua sinistra e a deviare in corner.

Il Savona rischia il tracollo: al 43′ Cognigni si invola da solo verso Falcone, supera anche l’estremo difensore, ma conclude alto.

Al 46′ arriva l’ultima occasionissima: colpo di testa di Morra su azione di corner, Pedrelli salva sulla linea con l’aiuto della traversa.

Finisce con la sconfitta per i biancoblù. Un match che per molti aspetti ricorda quello di due settimane fa contro il L’ Aquila. Tantissime occasioni create, un palo, una traversa pizzicata, un rigore fallito. Il Savona appare vivo, ma la fortuna non sta aiutando la squadra, al di là dei propri demeriti

LASCIA UN COMMENTO