Lega Pro: Arezzo-Savona 1-0, Sconfitta Immeritata in Toscana

0
CONDIVIDI
Lo Stemma del Savona Calcio
Lo Stemma del Savona Calcio
Lo Stemma del Savona Calcio

SAVONA 14 FEB.  Con una formazione giovanissima in campo (tre ’95 e due ’96) il Savona cerca di dare continuità alle ultime prestazioni e di allungare la striscia di cinque risultati utili consecutivi per continuare la rincorsa alla salvezza.

Mister Riolfo deve rinunciare in difesa allo squalificato Cabeccia e all’infortunato Lebran (dentro il rientrante Negro nella difesa a tre con Zigrossi, positivo contro il Teramo, a sinistra e Vannucci centrale); a centrocampo, Palumbo non al meglio va solo in panchina e Steffè ritrova una maglia di titolare. In avanti è Dell’ Agnello a far coppia con Virdis.

La partita inizia con un brivido: al 7′ Greco, lanciato a rete, viene anticipato da Falcone in uscita, ma rimane a terra per lo scontro. Dopo due minuti l’attaccante amaranto deve uscire in barella. Per fortuna può rientrare in campo e riprendere il match.

 

La prima conclusione è di Pasqualini al 18′: sinistro dai venti metri con palla a lato. Non è un fuoco di paglia: al 21′ Dell’ Agnello si libera sulla destra e mette al centro, Virdis stoppa, si gira e conclude a rete, Baiocco con la punta delle dita devia in angolo.

Tra il 33′ e il 34′ si sveglia l’ Arezzo: Greco lanciato in profondità riesce a concludere a rete, Falcone, uscito fuori dai pali, devia in corner. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina, girata di testa di Sabatino, di poco a lato.

La pressione dell’ Arezzo viene premiata al 41′: cross di Tremolada dalla destra, la palla attraversa tutta l’ area e, sul secondo palo, interviene Feola che devia in fondo alla rete: 1-0.

Prima della fine del tempo, c’è ancora una conclusione di Greco, respinta da Falcone.

La ripresa si apre con una clamorosa palla gol per il Savona: Dell’ Agnello conquista una punizione dai venticinque metri, si incarica del tiro Virdis, la palla si stampa sul palo e torna in campo.

Arezzo pericoloso al 15′: va alla conclusione Benedetti al termine di una veloce ripartenza, ma c’erano Taddei e Negro a terra per uno scontro fortuito di gioco.

Entra Cocuzza per Zigrossi, con Pasqualini che arretra in difesa. Il neo entrato è subito pericoloso: fugge verso la porta avversaria e, proprio mentre sta per fare l’assist al centro per Dell’ Agnello, la palla ha un rimbalzo fasullo e l’occasione sfuma.

Il match si mantiene apertissimo: al 25′ Baiocco è strepitoso nel respingere una conclusione volante di Dell’ Agnello sugli sviluppi di una punizione di Taddei. Rovesciamento di fronte e Falcone si supera su Sabatino, lanciato a rete da un bell’ assist di Tremolada.

Riolfo si gioca il tutto per tutto: dentro anche Morra al posto di Pasqualini per un 4-2-3-1 iper offensivo.

A due minuti dalla fine Baiocco devia in angolo con balzo prodigioso un colpo di testa di Cocuzza, servito da un assist di Rondanini. I biancoblù cercano di assediare l’avversario.

Finisce con Falcone in area sull’ultimo calcio d’ angolo a favore, ma a nessun biancoblù riesce la zampata vincente. Peccato, perchè il Savona ha dimostrato di poter giocare alla pari anche con un buon Arezzo, nonostante le assenze. I ragazzi di Riolfo pagano oltremisura una seconda parte di primo tempo in cui hanno concesso troppo campo all’avversario, poi il palo ed un paio di prodezze di Baiocco hanno fatto sfumare un pareggio che non avrebbe certo fatto gridare allo scandalo.

Ora è subito tempo di voltar pagina: sabato al “Bacigalupo” arriva il L’ Aquila

LASCIA UN COMMENTO