Home Sport Sport Genova

LEGA PRO 1: ENTELLA-FERALPI SALO’ 2-2, ROSSO RIAGGUANTA IL RISULTATO

0
CONDIVIDI

entella_lecceGENOVA 4 NOV. Ci sono diversi tipi di partite per determinare il valore di una squadra e le sue ambizioni, oggi l’ Entella ha scelto una delle più difficili e rischiose per confermare le proprie attitudini di squadra solida, dalle grandi risorse mentali e fisiche, non senza imperfezioni, capace di soffrire ma anche mai doma e mai battuta.

Ci è voluta un otttima Feralpi Salo’ per dimostrare quanto in parte già si sapeva dei biancocelesti. Pur senza strafare gli uomini dello squalificato Scienza si sono ritrovati in doppio vantaggio in virtù di una partita preparata benissimo per impedire all’ Entella di esprimersi, soffocando sul nascere le sue fonti di gioco soprattutto quelle sempre pericolose che nascono da destra e, a dirla tutta, anche di un paio di episodi nei quali la casualità ha fatto la sua parte. A prescindere da ciò non è stata sicuramente la migliore Entella, Prina un po per necessità un po per scelta ha schierato l’ ennesima formazione inedita con Padella in luogo di Volpe e con la coppia anche questa inedita la davanti composta da Magnaghi e Guerra, dovendo rinunciare in partenza a Moreo, neppure convocato per un problema al polpaccio  e Rosso che ha combattuto tutta la settimana con un infiammazione al tallone. L’ avvio è di grande concentrazione dall’ una e dall’ altra parte con i salodiani che dimostrano di conoscere bene l’ Entella i suoi uomini e i loro movimenti, la prima palla gol è per Sarno che servito da una carambola  in area da sinistra calcia in diagonale non trovando la porta.La manovra biancoceleste anche per merito degli avversari non è ne fluida ne veloce risultando cosi prevedibile e poco incisiva. Pochi minuti e altra carambola nell’ area chiavarese con Miracoli che calcia anch’ egli di poco a lato. Un attimo dopo Cecchini crossa Guerra sfiora Branduani non trattiene e Staiti sul secondo palo ha il più facile dei tap in per spingere la palla in rete ma il suo tocco termina incredibilmente a lato. Si chiude il tempo e si riapre con Di Tacchio che calcia bene chiamando Branduani all’ intervento a terra. Al 4 minuto il Sig. Gori assistente sotto la tribuna inverte clamorosamente una rimessa laterale che l’ Entella fa per battere e che invece riceve Ceccarelli il quale dal fondo cerca di mettere in mezzo trovando una traiettoria pallonetto identica a quella con cui Falcier, rivisto proprio oggi al Comunale,  sigillo’ la sua tripletta contro il Casale nella andata della semifinale play off di due anni fa. Una beffa per il primo tiro nello specchio della porta difesa da Paroni. L’ Entella reagisce subito con un angolo di Sarno sul quale Padella colpisce a botta sicura ma Branduani sulla linea si supera e smanaccia fuori. Prina cambia entrano Argeri e Marchi per Padella e Magnaghi. Sarà proprio l’ innesto di Argeri unitamente a quello di Rosso fatto più tardi che cambieranno l’ esito della gara che al 14′ vedeva il raddoppio del Feralpi : ancora Ceccarelli dalla grande distanza provava un tiraccio che si stampava sulla traversa, il rimpallo vedeva i difensori biancocelesti un po fermi e Miracoli lesto a ribadire a rete di potenza. Una brutta botta difficile da assorbire. Prina mette dentro Rosso per Guerra, l’ Entella ha subito due occasioni : prima Di Tacchio impegna Branduani su punizione quindi dall’ angolo Troiano gira di testa sfiorando il palo. Il gol è nell’ aria e arriva poco dopo con Rosso che a centro area si avvita di testa per girare a rete un bel cross di Troiano. Partita riaperta, Argeri sulla destra crea non pochi problemi in coppia con Sarno alla Feralpi che inizia a scricchiolare anche fisicamente, proprio dall’ under 19 dopo una bella serpentina parte un bel cross per Troiano che dal dischetto alza troppo la mira. Pochi minuti e il pareggio è cosa fatta : Sarno slalomeggia in mezzo a 4 e serve in verticale  Argeri che sul fondo mette una gran palla a centro area dove Rosso non si fa pregare e appoggia in rete. L’ Entella non festeggia neppure e in 3 o 4  si avventano sul pallone per riportarlo subito a centrocampo è l’ immagine che sintetizza lo spirito di questa squadra. Subito dopo tuttavia una verticalizzazione di Pinardi per Miracoli vede il centravanti ospite calciare a lato una ghiotta occasione pareggiata subito dopo da un altro assolo di Argeri la cui conclusione deviata chiama Branduani al quarto miracolo. Ancora qualche mischia e una punizione di Sarno appena alta e si chiude una partita emozionante della quale però è difficile essere delusi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here