Lega Nord, tolleranza zero contro la vespa migrante

0
CONDIVIDI

GENOVA. 6 OTT. Immigrata dal Sud Est asiatico in Francia è arrivata in modo massiccio nel ponente ligure. Dopo i No borders e l’invasione di Ventimiglia da parte dei clandestini, il Carroccio stamane in consiglio regionale è arrivato al punto di dichiarare guerra perfino alla migrante Vespa Velutina. Tolleranza zero.

L’insetto, simile a un calabrone, è dotato di un pungiglione ed è aggressiv

Il capogruppo regionale del Carroccio Alessandro Piana
Il capogruppo regionale del Carroccio Alessandro Piana

o nei confronti dell’uomo. Nei mesi scorsi sciami di Velutine hanno assediato in modo massiccio le nostre api operaie, che producono il pregiato miele ligure. Il capogruppo della Lega Nord Alessandro Piana con l’assessore Stefano Mai, pertanto, si sono messi lì a studiare il fenomeno migratorio e l’invasione delle vespe con le ali a mandorla. Piana, tra una manifestazione contro l’immigrazione selvaggia e un’altra antirom, nei giorni scorsi ha trovato il tempo di farsi imprestare la ruspa da Matteo Salvini, andare a Sanremo e partecipare alla distruzione di un grosso nido di Velutine.

 

“Si tratta di operazioni – spiega il capogruppo con la camicia verde – che prevedono l’intervento delle istituzioni, inclusi i Vigili del Fuoco. La Velutina è pericolosa per l’uomo e le vespe indigene. Il fenomeno, causa di ingenti danni, va fronteggiato in modo deciso perché fra qualche anno potrà diventare un problema per tutto il Paese”. Come i clandestini.

Intanto, mentre le vespe extracomunitarie erano terrorizzate e la sinistra borbottava per la loro accoglienza consapevole, stamane in consiglio regionale il governatore Toti era assente. La surroga dei consiglieri, ossia la formale sostituzione dei dimissionari Cavo e Giampedrone, è stata rinviata a martedì 27. E’ previsto che i due seggi vengano assegnati a Lilli lauro e Francesco Senarega. Fabrizio Graffione

LASCIA UN COMMENTO