Home Cronaca Cronaca Italia

LE IMPRESE EDILI ANIEM CONFAPI LIGURIA RIGUARDO IL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE

0
CONDIVIDI
LE IMPRESE EDILI ANIEM CONFAPI LIGURIA RIGUARDO IL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE

di Aniem Liguria sull?ipotesi di recepimento delle direttive europee contenuta nella bozza di ?Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi, forniture?.
?L?iniziativa di rielaborare l?intero quadro normativo e regolamentare ? sostiene Marchi- avrebbe dovuto coinvolgere tutte le rappresentanze del settore, dirette interessate ad un?operazione che modifica profondamente le regole del mercato: a pochi mesi dalla fine della legislatura viene viceversa proposto un testo di enorme complessit? e contenente innovazioni la cui portata ? ancora difficilmente valutabile?. ?Le direttive contemplano, evidentemente, principi ed istituti giuridici che vanno necessariamente adeguati al nostro mercato: ? impensabile procedere alla trasposizione automatica nel nostro ordinamento di disposizioni concepite su sistemi produttivi costituiti da poche centinaia di imprese e caratterizzati da configurazioni dimensionali e tipologiche completamente diverse da quelle italiane?. Il Presidente dell?Aniem esprime particolari preoccupazioni per le modalit? di recepimento del c.d. principio di avvalimento che consentirebbe a imprese non qualificate di aggiudicarsi lavori e di acquisire l?attestazione Soa utilizzando i requisiti di altre imprese. ?Si tratta di una modalit? che stravolge il nostro sistema di qualificazione, che ne disgrega i suoi principi fondativi, che favorisce l?accesso al mercato di soggetti privi dei necessari requisiti di professionalit? in un sistema imprenditoriale nel quale sono qualificate circa 40.000 imprese?. ?La crescita delle aziende va certamente incentivata e sostenuta ? conclude Marchi ? ma questo obiettivo pu? essere recepito ampliando e sviluppando sistemi di aggregazione gi? presenti nel nostro ordinamento. La ridefinizione completa del sistema legislativo e regolamentare priva di tempi e modalit? adeguati rischia di ripristinare un clima di incertezza destabilizzante che penalizzerebbe fortemente il settore?.
(nella foto: Renato Zotti dell’ Aniem).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here